Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (4117)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 169 volte

Marcella, 28 anni

Buongiorno.
Soffro di attacchi di panico da 10 anni, ma solo i primi due anni ho avuto problemi ad uscire di casa.
Mi rifiuto di prendere medicinali perchè sono convinta di potercela fare da sola e ho fatto sedute di psicoterapia comportamentale per un po'.
Ora non temo l'attacco di panico, ma tutti i sintomi tipo giramenti di testa e gambe "molli" che mi tengono compagnia molto spesso. C'è da dire anche che io penso molto spesso a cosa mi possa succedere non appena sento anche solo un po' di stanchezza normale e salutare.
Esco, vado spesso in giro anche se ho dei sintomi che cercano di farmi stare a casa. Per non parlare dei bruciori di stomaco e la nausea che ogni tanto mi fa visita. Ormai so come funziona, tutto sembra meccanico per la mia mente, anche se a volte ancora adesso al posto di dirmi: "chi se ne frega!" ho ancora il campanello interiore che mi chiede "cosa sta succedendo?" e una grande paura paralizzante e devastante.
e la domanda è: sono sulla buona strada? Anche se a volte mi sembra di fare un passo avanti e due indietro? Ormai è una sfida che voglio vincere assolutamente.
Sono comunque allegra, ma forse troppo fissata su di me!
La ringrazio anticipatamente

Cara Marcella, di sicuro attraverso la terapia avrai scoperto che gli attacchi di panico arrivano quando evitiamo di dare attenzione a dei bisogni e a delle emozioni che una parte di noi ritiene superflui.
Di sicuro quando dici che vuoi farcela da sola esprimi un aspetto di te che non vede la necessità che tu hai (come tutti gli esseri umani, d'altronde) di avere accanto a te delle persone che ti appoggino, ti apprezzino, ti amino. Va bene dirsi: chi se ne frega! se serve ad alleggerire dei pensieri troppo pesanti e sensazioni altrettanto sgradevoli, ma attenzione a non sottovalutare il "simbolismo" che gli attacchi di panico portano.
La stanchezza, i sintomi ti dicono qualcosa di te, ma lo fanno in modo indiretto. Per esempio: "mi sento soffocare" potrebbe significare:" Vivo una situazione in cui non mi sento libera di agire come voglio io, non respiro più"... dunque "ho bisogno di cambiare questa situazione per stare meglio".
Cerca in questa tua voglia di farcela, che è molto positiva, di mettere l'ascolto di questi "segnali" fisici che vanno sì superati, ma innanzitutto presi in considerazione, elaborati, compresi.
Ciao!

( risponde la Dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di crescita personale per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

News Letters