Pubblicità

attacchi di panico (41850)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 207 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Daniela, 35anni (9.8.2001)

Mi chiamo Daniela e da poco + di un anno sofro di attacchi di panico e depressione ma fino a gennaio di quest'anno non ho mai fatto nulla x curarmi.Ora mi sono decisa e prendo xanax, seroxat e stilnox xchè la notte non riesco a dormire. Dopo mesi che prendo questi farmaci mi rendo conto che non mi fanno + effetto nonostante la psichiatra me li aumenti io sono costantemente depressa, attacchi non ne ho + avuti quello si ma sul lavoro mi danno sonnolenza, faccio fatica a lavorare, mi scordo le cose, ho dei vuoti di memoria, assenza di stimoli sessuali e tutto questo ha provocato delle litigate furiose col mio ragazzo che dapprima mi fa pesare il fatto i stare male e mi dice che la uso come scusa, che mi devo svegliare, che non sono una donna normale ecc. mi promete di starmi vicino ed iutarmi e dopo 2 giorni siamo punto e d'accapo. Io credo di essere al limite coi nervi e sono arrivata al punto di mettergli le mani addosso dal nervoso x le cose che mi dice mentre litighiamo e mi feriscono dentro e poi da la colpa a me di tutto, io non so + chi sono, lo psicologo del consultorio prima di settembre non c'è ed io non me ne posso permettere uno essendo anche una ragazza madre con tutti i suoi problemi.
La mia vita è sempre stato uno schifo da che sono nata ed ora pur sapendo che questo ragazzo non riesce a darmi l'aiuto e l'amore di cui sento il bisogno non riesco a lasciarlo, cioè ci lasciamo e dopo 2 giorni siamo ancora insieme e questo dura da 4 mesi, mi dice di smettere con le medicine che sono quelle la causa di tutto anche del fatto che non facciamo quasi + l'amore,io non so + che fare, ci provo ad andargli incontroperò succede anche che sin dall'inizio mentre facciamo l'amore,(facevamo) ma non sempre succede che a metà lui si sconcentra e non riusciamo a portare a termine il rapporto, come se avesse un ansia da prestazione e la colpa di chi è? mia naturalmente...io ce la metto tutta x cercare di rieccitarlo, a volte ci riesco ed a volte no... aiutatemi x favore cosa posso fare... Grazie Daniela

Cara Daniela, credo che sia diventato di primaria importanza per te, approfondire le cause psicologiche della tua sofferenza. I farmaci hanno avuto la loro parte allentando la tensione interna, ma adesso hai bisogno di capire, non più di soffocare le tue emozioni, o pretendere che il tuo ragazzo risolva i tuoi problemi coprendo il vuoto che senti dentro.
Non è mai questa la soluzione ottimale, i tuoi problemi hanno bisogno di essere affrontati una volta per tutte, altrimenti rischi di rimanere delusa continuamente dal fatto che gli altri non riescano a renderti felice. Un rapporto di amore non deve e non può essere una "terapia", ma uno scambio alla pari, e, quando lo scambio non c'è, e ci si aspetta solo di essere l'oggetto di una attenzione costante, l'amore si distrugge e rimane la rabbia. E'importante che tu prenda su di te la responsabilità della tua vita e ricominci a dare oltre che a chiedere. Impegnati davvero in un lavoro su te stessa, con l'obiettivo di conoscerti profondamente e trovare tutto il bello che,certamente, esiste dentro di te e poi potrai condividerlo con gli altri.
Il tuo ragazzo, molto probabilmente, si sente inadeguato e incapace di darti quello che chiede, la tua critica lo rende insicuro, e la vita sessuale non può non essere condizionata da uno stato interiore di questo tipo. Il fatto che la tua vita non sia stata soddisfacente fino ad oggi non vuol dire che debba continuare ad esserlo, cambia il tuo atteggiamento interiore con la volontà di essere costruttiva, e cambieranno anche le situazioni esterne. Auguri sinceri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni