Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

attacchi di panico (43973)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 143 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fabio, 40anni (1.10.2001)

Gent.le Dottore, ho iniziato la mia storia di attacchi di panico 25 anni fa... quando la definizione DAP non esisteva neanche. Le lascio immaginare quanto abbia dovuto contare sulle mie forze, per capire cio che nessuno era in grado di spiegarmi. Fortunatamente la mia vita per quanto abbondantemente "interrotta", è stata una vita felice in ogni altro senso.
Non mi manca nulla e vivendo in una grande città, ho avuto la possibilità di lottare e di usufruire di tutto ciò che la città stessa offre dal punto di vista terapeutico. Bene, ora posso ritenermi un vero esperto anche se guarito. Vengo al dunque... dopo una psicoterapia comportamentale di un anno (utilissima a conoscermi meglio) le mie condizioni non erano delle migliori, grazie a un nuovo medico neuropsichiatra, inizio così una terapia a base di qualche gtc di En, e Seroxat 20, una compressa al giorno. La mia vita è cambiata come nessuna terapia farmacologica o medica era riuscita a fare.
Nessun effetto collaterale e dopo due settimane circa, la scomparsa totale dei sintomi. Interrompo anche le benzodiazepine (non ne ho più bisogno). Dopo qualche mese, il mio nuovo medico, muore giovanissimo in un grave incidente motociclistico. La mia riconoscenza non lo abbandonerà mai... Ora sono a un anno e due mesi di Seroxat e non so cosa debba fare, cioè se continuare, diminuire o interrompere. Aggiungo che le mie condizioni sono ottime anche se ansioso lo sono e lo rimarrò eh eh! Grazie di cuore.
Fabio.

Come lei sa, avendo purtroppo molta esperienza di questo disturbo, una terapia farmacologica deve necessariamente essere tenuta sotto controllo da un medico, in tutte le fasi della somministrazione, per tanti motivi che puo ' ben immaginare. Il fatto che abbia risposto subito e come mai era successo ad un farmaco significa che deve essere accuratamente monitorato il programma terapeutico (durata della terapia, inizio - dopo un certo periodo di tempo da stabilire - della fase di scalaggio, sospensione del farmaco) perche' produca effetti stabili e duraturi nel tempo, che costituiscono il vero problema di un disturbo psicopatologico. Le consiglierei, pertanto, di consultare subito un altro psichiatra in modo da controllare gli effetti della terapia in atto.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

News Letters

0
condivisioni