Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

attacchi di panico (44269)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 115 volte

Francesco, 35anni (7.10.2001)

Vi ringrazio inanzitutto per la Vostra gentilezza, cortesia e professionalità . Volevo avere alcune risposte a banalissime domande , che però personalmente possono o meno darmi sicurezze sul modo di convivere col DAP. La mia paura principale è di svenire : può succedere durante un DAP , visto che il cuore batte così all'impazzata ? Meccanicamente cosa succede quando un cuore batte così forte , cioè c'è un punto di massimi battiti oltre i quali il cuore entra in fibrillazione? Durante un DAP la pressione sale o non ne è influenzata ? Può un DAP portare ad un attacco di Cuore o ad un Ictus ? Qual'è l'atteggiamento migliore da tenere , quali i pensieri , per affrontare una situazione che invece voglio evitare per paura che mi venga un DAP?
Vi ringrazio di Nuovo e vi auguro Buon Lavoro.

Procediamo con ordine nelle sue domande. Uno, si puo' svenire durante un attacco di panico? No, la sensazione soggettiva e' molto piu' intensa di uno svenimento ma non si puo' svenire a causa del solo attacco di panico. Due, cosa accade al ritmo cardiaco? Uno stato di stress intenso (sia fisico che psichico, e il DAP puo' essere considerato uno stato molto intenso di stress) determina l'aumento della frequenza cardiaca ma, in assenza di patologie cardiovascolari, non costituisce pericolo per insufficienza cardiaca. Tre, l'attacco di panico influenza la pressione? Anche qui vale il discorso precedente: i valori pressori aumentano sicuramente ma senza alcuna relazione con una soglia di pericolosita'.
Quattro, il DAP puo' determinare infarto o ictus? No, assolutamente no, anche se i sintomi soggettivi dell' attacco di panico assomigliano molto da vicino a quelli di un infarto cardiaco. Cinque, qual e' il miglio atteggiamento verso il DAP? Per rispondere a questa domanda ci vorrebbe un trattato. In poche parole, la "parte" piu' invalidante del DAP, nella vita quotidiana, non sono gli episodi acuti in senso stretto ma la paura costante di avere un altro attacco. Si tratta allora di saper gestire questa paura e controllarne gli effetti. Per riuscirci, non sono sufficienti generici consigli ma lo sviluppo di adeguate capacita' di affrontare la situazione che si possono acquisire con specifici esercizi da sviluppare in uno specifico training psicoterapeutico.
Quindi, la risposta a quest'ultima domanda e': deve rivolgersi ad uno psicoterapeuta. Spero di essere stato esauriente, nei limiti del possibile, e che riesca a trovare maggiore sicurezza nell' affrontare questa brutta condizione.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

News Letters