Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

attacchi di panico (45631)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 150 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Barbara, 35anni (22.11.2001)

Salve,mi chiamo Barbara vivo in Germania sono sposata e ho 2 bambini, non lavoro ma la mia vita è ugualmente abbastanza frenetica. Circa 10 anni fa ho sofferto di panico in maniera abbastanza acuta, rifiutavo il cibo (sono arrivata a 42 kg.) e con collassi nervosi. Unica cura saltuaria: Lexotan gocce. Poi il riversare le mie attenzioni su di un neonato (mio 1°figlio) mi ha aiutato ad uscire da questo incubo. In questi anni ho sempre evitato qualunque sotanza eccitante poi a Febb.scorso per errore ho bevuto una tazza di caffè lungo normale (a mia insaputa) e mi sono sentita male in un supermercato. Da quel momento lentamente sono riapparsi tutti i fantasmi e ora sono dinuovo nell'incubo. Non vorrei fare terapie, ho paura di entrare in un vortice, come posso aiutarmi? Cos'è che non va? Non posso nascondermi da tutto e tutti.
Grazie infinite.

Cara Barbara, questo tipo di problema è sicuramente molto invalidante,nella lettera ci hai descritto ciò che ti succede ma avremmo bisogno di sapere ad esempio come è cominciato questo tuo problema e quando, in quale situazione ti trovavi quando hai avuto la o le prime crisi di attacco panico. Oppure può scaturire da una situazione che tu vivi attualmente. In ogni caso puoi riscriverci facendo una descrizione ben più dettagliata; a nostro parere sbagli quando dici di non voler fare terapie, in quanto per risolvere questo tipo di problemi è utile proprio intraprendere da uno Psicoterapeuta sedute di psicoterapia atte a comprendere le motivazioni di quanto ti accade e suggerire delle strategie per affrontare e risolvere il tuo problema.
Non devi assolutamente temere di cadere in un vortcice con la psicoterapia,questo potrebbe accadere se mai, affrontando il problema solo da un punto di vista farmacologico, poichè è risaputo che alcuni tipi di farmaci possono creare dipendenza.
Cordiali saluti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters

0
condivisioni