Pubblicità

attacchi di panico (45631)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 168 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Barbara, 35anni (22.11.2001)

Salve,mi chiamo Barbara vivo in Germania sono sposata e ho 2 bambini, non lavoro ma la mia vita è ugualmente abbastanza frenetica. Circa 10 anni fa ho sofferto di panico in maniera abbastanza acuta, rifiutavo il cibo (sono arrivata a 42 kg.) e con collassi nervosi. Unica cura saltuaria: Lexotan gocce. Poi il riversare le mie attenzioni su di un neonato (mio 1°figlio) mi ha aiutato ad uscire da questo incubo. In questi anni ho sempre evitato qualunque sotanza eccitante poi a Febb.scorso per errore ho bevuto una tazza di caffè lungo normale (a mia insaputa) e mi sono sentita male in un supermercato. Da quel momento lentamente sono riapparsi tutti i fantasmi e ora sono dinuovo nell'incubo. Non vorrei fare terapie, ho paura di entrare in un vortice, come posso aiutarmi? Cos'è che non va? Non posso nascondermi da tutto e tutti.
Grazie infinite.

Cara Barbara, questo tipo di problema è sicuramente molto invalidante,nella lettera ci hai descritto ciò che ti succede ma avremmo bisogno di sapere ad esempio come è cominciato questo tuo problema e quando, in quale situazione ti trovavi quando hai avuto la o le prime crisi di attacco panico. Oppure può scaturire da una situazione che tu vivi attualmente. In ogni caso puoi riscriverci facendo una descrizione ben più dettagliata; a nostro parere sbagli quando dici di non voler fare terapie, in quanto per risolvere questo tipo di problemi è utile proprio intraprendere da uno Psicoterapeuta sedute di psicoterapia atte a comprendere le motivazioni di quanto ti accade e suggerire delle strategie per affrontare e risolvere il tuo problema.
Non devi assolutamente temere di cadere in un vortcice con la psicoterapia,questo potrebbe accadere se mai, affrontando il problema solo da un punto di vista farmacologico, poichè è risaputo che alcuni tipi di farmaci possono creare dipendenza.
Cordiali saluti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni