Pubblicità

Attacchi di panico (50698)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 160 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maura,26 anni,12.06.02

Salve io mi chiamo Maura, soffro di attacchi di panico da circa otto anni, ho avuto alti e bassi: in questo periodo sono nel basso piu' profondo! Sono andata da vari specialisti prendendo anche il seroxat, smesso quando ho visto che stavo meglio (cosa piu' sbagliata), i dottori mi dicono che tutto proviene dal fatto che ho perso tutti i capelli, soffro di alopecia da 16 anni di cui 8 di alopecia totale prima solo parziale. Ora oltre ad avere tutte queste cose soffro di allergie sia alimentari che farmacologiche, dovrei andare a fare le analisi ma avendo il panico mi blocco, fortunatamente ho un ragazzo da circa due anni che mi sta molto vicino ma anche lui e' arrivato ad un punto che non sa piu' che fare. Io chiedo aiuto anche perche' curarmi da un psicologo economicamente non me lo posso permettere. Spero di essere stata chiara, in questo momento ho un grosso attacco di panico e non riesco ad esprimermi come vorrei. ancora grazie

Cara Maura, di certo l'alopecia è una dermatosi psicosomatica che implica delle modificazioni fisiche gravi con disagi psicologici profondi. Hai mai esplorato le cause di questo problema? Cosa è successo nella tua vita quando è cominciata? Se i miei calcoli sono giusti, l'alopecia è iniziata all'età di 10 anni. Se esamini la tua infanzia fino ad allora, cosa era accaduto? Ti sentivi felice o triste? Quali erano i rapporti con i tuoi genitori? Con te stessa? Forse trovare indicazioni emotive e psicologiche nel passato può aiutarti a capire e a calmare i momenti di ansia che vivi. Comunque, il mio primo consiglio è quello di fare un check-up completo a livello fisico, in quanto la caduta di capelli può essere sintomo di una cattiva condizione generale di salute. Un altro consiglio è quello di consultare un medico omeopata, dato che soffri di allergie farmacologiche, può di certo aiutarti una cura naturale, che non ha componenti chimiche. Rispetto agli attacchi di panico, posso darti un esercizio da fare per riuscire ad inquadrarli. Scrivi su un foglio grande, su varie colonne: 1) Episodio di panico (cosa succedeva prima, cosa è subentrato, chi c'era, dove, in definitiva una descrizione dettagliata della situazione in cui ti sei sentita male); 2) Emozioni (tutto ciò che hai sentito, non le sensazioni fisiche , ma tristezza, rabbia, angoscia...nel modo più dettagliato possibile); 3) Sensazioni (tutto ciò che hai provato nel corpo); 4) Pensieri (tutto ciò che hai pensato in quella situazione); 5) Comportamenti (come hai agito nella situazione, e se c'erano altre persone cosa hanno fatto loro); 6) Alternative (tutto ciò che avresti potuto fare e pensare di diverso che ti facesse vivere meglio quella situazione). Questo compito può aiutarti a trovare dei punti di contatto tra i diversi episodi di panico e quindi a capire cosa ti crea disagio, se una situazione esterna, o un tuo pensiero e una situazione psicologica interna, o entrambe. Quindi ti consiglio di fare questo esercizio per più episodi che ti sono capitati nel passato e per quelli che ti capiteranno in futuro. Spero di averti dato un aiuto concreto. Ciao

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters

0
condivisioni