Pubblicità

Attacchi di panico (52238)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 148 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alexis, 19 anni, 18.09.02

Dopo molti tentativi sono arrivata anche qui...circa 2 anni ho avuto un calo di pressione mentre ero in giro per lavoro e dopo il ripetersi di questa esperienza ho iniziato ad aver paura di andare in giro...quando uscivo iniziavo a sudare andavo a misurare la pressione in ogni farmacia che incontravo e poi quando tornavo in ufficio andava tutto a posto..il mio medico di base mi aveva dato delle gocce e mi aveva detto di prenderlo quando sapevo di dover uscire (mi sembra anche sbagliato sinceramente) e un antidepressivo ...quando ho preso l'antidepressivo ho avuto una reazione allergica...e lì le mie paure, che si limitavano al semplice uscire, sono triplicate!!! Dopodichè sono andata da un neurologo..mi ha curato con l'En gocce e per un bel pò stavo bene, ero più tranquilla...ma sfortunatamente quest'anno mi è venuta l'allergia: io non l'ho mai avuta e un giorno mi è venuta una crisi respiratoria, mi hanno fatto di tutto e non capivano il perchè di quella crisi. Ho preso tanti di quei medicinali per la faringite tracheite ecc. Da quel giorno non ho pace, sto sempre a controllare il respiro e tante volte mi agito e magari è anche per quello che a volte mi sembra di non respirare...(le crisi per adesso non le ho più avute) e gli attacchi di panico sono tornati molto più violenti e improvvisi, mentre prima riuscivo a fermarli adesso, certe volte, quando passa è come se avessi fatto uno sforzo e mi sento stanchissima e a volte mi viene da piangere...praticamente vado in giro con la borsetta piena d medicinali....cosa mi consigliate? aspetto una Vostra cortese risposta Vi ringrazio anticipatamente.....

Cara Alexis, succede spesso che per il genere dei tuoi problemi i farmaci non bastano, ma serve fare una psicoterapia. Capire l'origine dei tuoi problemi, può aiutarti sensibilmente, così come cercare soluzioni mai provate prima. Prova a metterti in ascolto di te stessa? all'inizio avrai paura? è normale? poi comincerari a comprendere meglio i messaggi che il tuo corpo e la tua mente ti stanno mandando, e comincerari a domandarti: "cosa sto facendo di sbagliato? E soprattutto cosa non sto facendo di giusto? La soluzione ai tuoi problemi è nascosta dentro di te, cercala!

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni