Pubblicità

Attacchi di panico (888888)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 159 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Salvatore, 19 anni

Ciao sono Salvatore vi scrivo non per un mio diretto problema ma e' per la mia ragazza . La mia ragazza all'eta' di tre/quattro anni ha ricevuto attenzioni sessuali da un ragazzo molto piu' grande di lei , tra l'altro un parente, attenzione che non sono mai diventate abusi sessuali ma comunque abastanza pesanti .Successivamente all'eta' di dieci/undici anni un conoscente del padre ha violentemente tentato di farle qualcosa di male sempre a sfondo sessuale , senza riuscirci , oggi lei ha 19 anni e e' da un po di tempo che soffre di attacchi di panico , il primo avanti a me lo ebbe questa estate in un nostro momento di intimita' lei mi tremava tra le braccia pianceva terrorizzata e singhiozzando mi racconto' coso gli stava apparendo in quel momento avanti agli occhi. In quel momento mi sono sentito davvero inutile e cio' mi ha fatto molto male .
Oggi gli attacchi sono molto piu' frequenti circa due/tre al giorno . Come mi devo comportare nei suoi confronti , considerando anche che io e lei siamo a 450 km di distanza? E soprattutto cosa puo fare lei per superare queste paure ?

Caro Salvatore, probabilmente la tua ragazza si sarà accorta che più cerca di controllare il suo panico e le sue paure più queste si enfatizzano. Il problema stà nel fatto che cerca di dare una valutazione (spesso negativa) alle sue risposte fisiologiche. Con il passare del tempo potrebbe sviluppare un senso di impotenza legato a tali situazioni che può tramutarsi in comportamenti depressivi.
La soluzione sta nell'ascoltare, nella lentezza, non nella fretta e nella foga di controllare. Dovrebbe farsi aiutare da specialisti che affrontano il problema al cuore del problema stesso, attraverso percorsi brevi, e attraverso strumenti utili a rompere il circolo vizioso in modo spontaneo. Non dovrebbe cercare il perchè del problema, poichè questo viene utilizzato come tentata soluzione per tenere sotto controllo le sue paure e darle false sicurezze. Dovrebbe ascoltare e non dare valutazioni!
Gli attacchi di panico si possono sconfiggere per sempre. Infatti una volta che la persona impara come funzionano e come si superano con delle tecniche molto pratiche, comincia a non aver più paura che tornano in quanto sa come affrontarli. Quindi si rompe il meccanismo patologico della "paura della paura" che è alla base del DAP (disturbo da attacchi di panico). Proprio la paura della paura diventa come una profezia che si autoavvera e che fa arrivare il panico. Un saluto .

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

News Letters

0
condivisioni