Pubblicità

Attacchi di panico alla guida? (108071)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 226 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Massimo 34

Salve, ho già letto le domande e le risposte relative a questo argomento, ma pur essendo interessanti, non soddisfano la mia necessità di avere chiarimenti. Da circa un paio d'anni, (ora ne ho 34), forse un pò meno, ho dei disturbi che potrei definire come sensazioni di vertigini, quando cammino (o anche se sono fermo, ma in piedi) in spazi anche "leggermente" aperti (diciamo in spazi dove, in caso di vertigini, non avrei la possibilità di appoggiarmi per evitare di cadere), ma sopratutto mentre guido. Premetto che guido la macchina da molti anni ed ho sempre pensato di essere un ottimo automobilista, anche abbastanza "allegro". Da quando ho questi disturbi invece guidare è diventato qualcosa di faticoso e sopratutto, che mi spaventa. Spesso ho problemi a mantenere la concentrazione, la vista sembra annebbiata e la solita sensazione di vertigini mi da l'impressione di andare fuori strada. Alcune volte (poche per fortuna), ho avuto delle crisi molto forti e sono stato costretto a fermarmi; in qulche caso non ne ho avuto la possibilità (vedi attacco in galleria!!), in altri casi mi sono ostinato a continuare. In ogni caso non ho mai avuto incidenti fortunatamente, ma da buon "ex buon guidatore", so benissimo che la paura di averne aumenta di molto le probabilità. A seguito di queste strane vertigini, l'anno scorso ho fatto vari accertamenti: una visita neurologica con EEG con risultati negativi; una visita oculistica approfondita, tramite la quale ho scoperto di avere un difetto alla vista. Ora porto gli occhiali, ma non è cambiato nulla; mi stanco un pò meno quando guido molto, ma gli altri sintomi rimangono. Mi rendo conto di essere troppo prolisso, ma vorrei provare a spiegare meglio i sintomi e le situazioni che li provocano; faccio qualche esempio: in una strada a doppia corsia evito di fare sorpassi se non sono sicuro di rientrare prima di una curva; infatti trovandomi in curva sulla corsia di sinistra quasi certamente scateneri qualche sintomo. Su tutti i tipi di strada, mi sento molto più sicuro a mettermi dietro a qualche "lumaca" (cosa che anni fa mi avrebbe fatto perdere la pazienza dopo due minuti). L'idea di prendere la macchina da solo (cosa che per me è sempre stata normalissima) già scatena in sè qualcosa, mentre sapere che mia moglie può prendere il mio posto in caso di necessità mi rende un pò più tranquillo. Raramente gli attacchi sono accompagnati da nausa, più spesso da sudorazione. Sono convinto che si tratti di attacchi di panico, ma mi chiedo se qualche altro fattore può scatenare questi sintomi (e per tempi così lunghi), mentre se fosse vero, perché dovrebbero "colpire" la guida e meno altri atteggiamenti che, effettivamente, non sono mai stati il mio punto di forza in quanto a sicurezza? Ultima cosa, paradossale. L'ottimo psicologo che mi ha seguito in passato per un anno (per tutt'altri motivi), si trova a circa 50km di distanza da casa mia, che dovrei affrontare da solo... Vi ringrazio e mi scuso per l'eccessivo spazio occupato.

Massimo, direi che non ci sono molti dubbi sul fatto che si tratti di attacchi di panico... grazie anche alla tua attenta descrizione. E non ti stupire se le paure si riversano proprio su un'aspetto (la guida) che prima affrontavi con tanta sicurezza: il paradosso sembra essere un classico delle dinamiche psichiche. In realtà capita spessissimo che le persone che soffrono di attacchi di panico vengano colpite da sintomi che rendono loro la vita limitata.... il manager con l'aereo, il cuoco con i coltelli, il paracadutista col vuoto ecc. E ancor più spesso si sente dire da queste persone che un tempo "non avevano paura di nulla". Insomma, capita che a soffrirne siano spesso persone che hanno affrontato le paure e le difficoltà della vita a testa alta, finchè un giorno..... Probabilmente questo accade perchè si tratta di persone che per superare le paure forse hanno cercato di non vederle, invece di affrontarle alcune sono state ignorate o soffocate, per forza di cose, perchè la vita evidentemente lo richiedeva. Perchè sia accaduto è da vedere, ma spesso queste persone hanno contenuto troppo, hanno "accumulato" troppe emozioni inespresse, hanno represso e nascosto le loro difficoltà.... che ora tutto d'un tratto si fanno sentire, tutte insieme. E quando "esplodono" fanno in modo di farsi sentire, perchè richiamano su di sé l'attenzione e costringono le persone ad occuparsi di se stesse e di ciò che hanno lasciato insoluto dentro di sé. Per questo un percorso psicoterapeutico è spesso molto utile. Tieni conto inoltre che la macchina è un simbolo forte di autonomia, e le paure minano sempre l'autonomia. Mi rendo conto della difficoltà dei 50 km. Se è al momento insormontabile, puoi cercare un'altro psicoterapeuta più vicino. So che ricominciare da capo può sembrare una perdita di tempo e fa un po' paura, ma a volte è invece produttivo.

(risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 10/01/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni