Pubblicità

Attacchi di panico-ansia (165690)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 227 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco, 22 (165690)

La mia Storia: Buonasera sono un ragazzo neolaureato che tempo fa ha avuto un attacco di panico nel mese di agosto.
A novembre ho conseguito la laurea e successivamente ho seguito un periodo di riposo dove mi sono riposato molto mentalmente e sono riuscito un po’ a riprendermi dalla situazione.
Fino ad oggi mi sento molto meno ansioso anche se non mi sento del tutto di aver superato le mie paure.
Infatti ancora non riesco ad andare in aereo perché temo che mi possa accadere qualcosa ma penso di affrontare il viaggio prima o poi. Io all'inizio nei primi mesi non riuscivo a gestire bene le mie paure infatti sono stato male ma con il passare del tempo sono riuscito a controllarmi di più è sono riuscito a viaggiare serenamente in treno senza pensare di potere morire.
Io quando mi sento ansioso spesso provo un senso di oppressione allo stomaco e vicino al cuore ho già attuato tt gli accertamenti cardiologici analisi del sangue e rx torace e tt è nella norma.
La mia situazione familiare è ottima io penso che il vero motivo dell'attacco è il grosso carico di studio che ho avuto per la laurea e anche il fatto di nn potere stare vicino alla mia ragazza perché siamo di regioni diverse mi ha portato troppo stress e ansia.
La mia richiesta è cosa potete dirmi su quanto può volerci prima che con l'ansia possa convivere tranquillamente e i sintomi possano smettere del tutto ?

Salve Marco. Fa piacere vedere che tu sia consapevole, anche se parzialmente, delle cause possibili che hanno scatenato i tuoi attacchi di panico.

Purtroppo gli attacchi di panico non vanno via da soli, anche perché a tenerli in vita è proprio quell'ansia che, dopo il primo, inizia ad essere il nostro sottofondo umorale.
In ogni caso, se inizierai un percorso con un collega della tua zona, in breve tempo riuscirai a capire e far fronte a quello che ti sta accadendo.
Preferisci l'orientamento cognitivo comportamentale.



(Risponde la dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 16/02/2015

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere i libri che parlano
di Ansia/ Stress per saperne di più?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni