Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico-ansia (165690)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 188 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco, 22 (165690)

La mia Storia: Buonasera sono un ragazzo neolaureato che tempo fa ha avuto un attacco di panico nel mese di agosto.
A novembre ho conseguito la laurea e successivamente ho seguito un periodo di riposo dove mi sono riposato molto mentalmente e sono riuscito un po’ a riprendermi dalla situazione.
Fino ad oggi mi sento molto meno ansioso anche se non mi sento del tutto di aver superato le mie paure.
Infatti ancora non riesco ad andare in aereo perché temo che mi possa accadere qualcosa ma penso di affrontare il viaggio prima o poi. Io all'inizio nei primi mesi non riuscivo a gestire bene le mie paure infatti sono stato male ma con il passare del tempo sono riuscito a controllarmi di più è sono riuscito a viaggiare serenamente in treno senza pensare di potere morire.
Io quando mi sento ansioso spesso provo un senso di oppressione allo stomaco e vicino al cuore ho già attuato tt gli accertamenti cardiologici analisi del sangue e rx torace e tt è nella norma.
La mia situazione familiare è ottima io penso che il vero motivo dell'attacco è il grosso carico di studio che ho avuto per la laurea e anche il fatto di nn potere stare vicino alla mia ragazza perché siamo di regioni diverse mi ha portato troppo stress e ansia.
La mia richiesta è cosa potete dirmi su quanto può volerci prima che con l'ansia possa convivere tranquillamente e i sintomi possano smettere del tutto ?

Salve Marco. Fa piacere vedere che tu sia consapevole, anche se parzialmente, delle cause possibili che hanno scatenato i tuoi attacchi di panico.

Purtroppo gli attacchi di panico non vanno via da soli, anche perché a tenerli in vita è proprio quell'ansia che, dopo il primo, inizia ad essere il nostro sottofondo umorale.
In ogni caso, se inizierai un percorso con un collega della tua zona, in breve tempo riuscirai a capire e far fronte a quello che ti sta accadendo.
Preferisci l'orientamento cognitivo comportamentale.



(Risponde la dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 16/02/2015

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere i libri che parlano
di Ansia/ Stress per saperne di più?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters