Pubblicità

Attacchi di panico e ansia (015484)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 216 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Enrico, 23 anni
Tutto è incominciato al matrimonio di mia sorella, dopo che avevo assunto delle sostanze stupefacenti; durante la cerimonia mi venne un vampata fortissima che partì dai piedi e arrivò fino alla fronte, un forte senso di svenimento, nausea, tremori e sudorazione fredda. Tutto passò il giorno stesso ma iniziai ad avere paura; una settimana dopo, la mia ex ragazza, alla quale tenevo ancora molto, mi disse di essere incinta del suo ragazzo. A quel punto la mia vita crollò; iniziarono palpitazioni, nausea, vomito e tutto quello che portano gli attacchi di panico. Ebbi anche in quel periodo una forte congestione per la quale mi spaventai molto. Smisi subito di fare uso di qualsiasi sostanza perchè mi spaventava solo il pensiero di poter stare male come ero stato e di provare le stesse sensazioni date da quella notizia sconvolgente.Iniziai ad avere molti dubbi sul cibo del tipo: se ora mangio poi sto male e vomito, poi svengo e se muoio? Ora sono in cura da uno psicoterapeuta che mi da levopraid (per digerire, visto che ho sempre la nausea) e al bisogno alprazolam 15 gocce. Nonostante ci siano giorni nella quale sto abbastanza bene il ricordo ricorrente di quell'angoscia legata alla voglia di vomitare e quel senso di svenimenro dopo mangiato mi porta a vivere sempre con ansia e paure la vita della giornata ma soprattutto al cibo e anche alla voglia di fumare una sigaretta.La domanda è: Perchè ogni volta che mangio ho paura di stare male?e ho paura di uscire a cena con amici? Perchè quando mi fumo una sigaretta mi viene la nausea e ho paura di stare male? Perchè appena digerisco, o sento un peso sullo stomaco inizio a pensare alla catastrofe e inizia l'immancabile attacco di panico? Grazie per la sua gentilezza.

C'è un altro uomo… c'è un oggetto persecutorio dentro di lei... sicuramente lei può continuare a lavorare con questo psicoterapeuta. Le consiglio anzi di informarlo di questo messaggio che lei ha scritto in questo sito in modo da poter insieme approfondire meglio le questioni che lei pone qui.

 

( risponde la dott.ssa Emanuela Marangon )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia /stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

News Letters

0
condivisioni