Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico e ipocondria (102171)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 200 volte

Elisa 25

Gentile dottore, sono una ragazza di 25 anni e da un lungo periodo (circa 2 anni) soffro di attacchi di panico (mi sto curando con lo xanax indicatomi dal mio psichiatra) e alcuni fenomeni di ipocondria (continua paura di morire soprattutto di infarto e crisi respiratoria). Non riesco ad allontanarmi mai troppo da casa e soprattutto in auto. Non cerco mai un lavoro che mi implichi di utilizzare troppo i mezzi e quindi di allontanarmi molto da casa mia, quindi ho molti problemi a trovarne uno. Non riesco nemmeno a vivere la mia età uscendo anche la sera con gli amici in quanto il fatto di dever andare in un locale es. pub o cinema mi crea malessere e capogiri. Prendo anche uno sprai per alleviare l'asma (come prescritto dal pneumologo), ma credo che anche questa sia legata al mio disturbo DAP. E' un lungo tunnel dal quale non riesco ad uscire pur avendo provato diverse volte (es ad uscire da sola) ma è stato un fallimento continuo. Non è vita... Grazie mille.

Cara Elisa, mi pare che il tuo problema possa essere inquadrato negli attacchi di panico associati ad agorafobia (non è la paura degli spazi aperti come si crede erroneamente dal termine "agora" ossia "piazza" ma la paura di allontanarsi dai posti ritenuti "sicuri" dalla persona). Il problema di solito è legato e mantenuto da:
1) dalla tendenza al volere tenere tutto sotto controllo
2) dalla grande lotta interiore contro le tue paure o ansie che per definizione sono "incontrollabili"; e più lotti e più l'ansia risulta incontrollabile.
Ma come possiamo tenere sotto controllo tutto??? Vorremo solo delle sicurezze... ma come diceva Benjamin Franklin "le uniche certezze sono la morte e le tasse" ma noi troppo spesso lo dimentichiamo. Tieni presente che la mente umana, nonostante quello che si pensa comunemente, funziona spesso per paradossi e non per logica. Così se ti sforzi di controllare un sintomo spesso questo sintomo si aggrava, più lo combatti e più si aggrava... In fondo è come se la tua mano sinistra lottasse con la mano destra: non so quale delle due vincerebbe, ma so solo che perderai comunque tu, perché le due mani ti appartengono entrambe Eventualmente puoi rivolgerti ad uno specialista: In questi casi la soluzione migliore è rappresentata dalle terapie brevi come ad esempio quella cognitiva-comportamentale e quella ipnotica breve ericksoniana. Con le parole di Friedrich Nietzsche "Il pauroso non sa che cosa significa esser solo: dietro la sua poltrona c'è sempre un nemico". Un saluto

(risponde Il dott. Fabio Gherardelli)

Pubblicato in data 08/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters