Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico, svenimenti (020562)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 222 volte

Sara, 17 anni

Sono Sara, ho 17 anni e da tre anni sono soggetta a svenimenti. all'inizio è partito tutto da frequenti attacchi di panico, crisi di pianto e paura della morte. poi la situazione si è aggravata, nel senso che ho cominciato a svenire quasi ogni giorno anche più volte al giorno. sono stata ricoverata per due settimane in ospedale nel reparto di neurologia e mi sono stati fatti tutti gli esami possibili senza però trovare alcuna traccia di disturbi fisici. una volta dimessa, i dottori mi hanno "catalogata" come soggetto affetto da crisi psicogene. io continuo a svenire da quel lontano 10 ottobre di tre anni fa quando, ad una fiera, sono svenuta la prima volta.mi è stato parlato di agorafobia, in relazione anche al fatto che sin da piccola, sono sempre stata propensa ad evitare i luoghi affollati.Ma la gente è ovunque!cosa faccio, mi chiudo in casa per il resto della mia vita?non voglio.io non so più che fare, non faccio che piangere e vivere nella paura e consapevolezza di s venire. spesso mi chiedo se potrei non svegliarmi più, poi mi obbligo a non pensarci. ho paura e non so come uscirne. vorrei sentirmi ancora normale perchè credo proprio di non esserlo più. non esco neanche più con i miei amici e ho paura di rimanere sola. cosa devo fare?
Ringrazio tanto, tanto, tanto fin da ora.

Cara Sara, non hai mai pensato alla psicoterapia? questa è la soluzione più efficace, inoltre affiancata alla terapia farmacologica ti permette di stare molto meglio subito e di fare soprattutto una vita giustamente "normale". Questi disturbi d'ansia sono molto diffusi tra i giovani, oggi in particolar modo che la gente in giro è davvero tanta e le situazioni sono sempre affollate, quasi tutte. Ci sono metodi di cura psicologica che guariscono completamente da questi problemi, il più efficace è quello cognitivo-comportamentale. Prova ad informarti presso la asl della tua zona. Al CPS di zona (centro psico sociale) c'è un servizio di psicoterapia con la mutua.
Altrimenti puoi cercare un terapeuta privato, purchè la prescrizione dei farmaci venga fatta da uno psichiatra che collabori alla terapia.

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia /stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters