Pubblicità

attacchi dipanico ed ansia (48124)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 163 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nicolò, 21anni (7.2.2002)

Sono Nicolò, ho 21 anni e da quando ne avevo 17 soffro di attachi di panico e ansia.La prima volta mi è successo in discoteca, dopo aver preso una pastiglia. Da qual giorno non lo fatto più e sicuramente non lo farò più, comunque lo ho fatto solo 3-4 volte in tutta la mia vita.Prima conducevouna vita come tutti gli altri ragazzi:(uscire, fumare e bere qualche volta)adesso non lo posso fare più perche qualunque cosa faccia fuori casa mi viene la sensazione di svenire ,di non controllare le mia azioni e di impazzire: tutto comincia con una contrazione dei muscoli del collo e della nuca che aumenta via via sempre più e alla fine sono costretto a scappare.I miei genitori sono separati e mio padre lo ho sempre visto pochissimo e mia madre ritengo che non abbia avuto abbastanza "polso" nell'educarmi, inoltre mio papà sta con una donna che ha fatto sempre del male a tutti nella mia famiglia, ma io non riesco a sfogami con lui sull argomento.
L'ansia mi viene soprattutto quando sto in luoghi affollati o dove non c'e' gente che conosco e che eventualmente mi possa aiutare.Non riesco piu a studiare e ad andare all università , comunque io sono gia pigro per conto mio e questo aggrava ulteriormente le cose.Sono in terapia da 3 anni con una psicoterapeuta e in precedenza con un altro ma ancora non riesco a risolvere il mio problema.Avevo pensato di stare fuori casa per 2-3 mesi per imparare a superare questa situazione da solo.Puo essere una buona idea? oppure è meglio ricorrere a dei farmaci??Vi ringrazio anticipatamente e vi saluto.

Caro Nicolò, il suo problema , sembra essere, stando a ciò che dice nella sua lettera, una nevrosi d'ansia. Certamente la sua difficile situazione famigliare ed affettiva influisce negativamente sulla sua psiche e quindi sulla sua stabilità emotiva. Generalmente con la psicoterapia si può risolvere benissimo questo tipo di problemi, anche se in alcuni casi può essere utile nella fase iniziale l'ausilio di una adeguata terapia farmacologica a base di ansiolitici.Sarebbe anche utile effettuare delle sedute di Training Autogeno al fine di giungere ad un miglior controllo dell'ansia. Mentre invece riteniamo inutile allontanarsi da casa senza aver affrontato le sue problematiche, perchè i sintomi potrebbero anche migliorare per un periodo di tempo- magari allontanandosi proprio da alcune situazioni scatenanti i suoi attacchi di panico- per poi ripresentarsi una volta tornati a casa o addirittura portarsi i suoi problemi irrisolti sempre con se.Altrettanto inutile, a nostro parere, sarebbe ricorrere alla sola terapia farmacologica, in quanto , dalla sua lettera risulta molto chiaro che vi sono delle problematiche psicologiche e non possono essere risolte se non con la psicoterapia.
Cordiali saluti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

News Letters

0
condivisioni