Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacco di panico (145956)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 197 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Irene 23

Salve, mi chiamo Irene ho 23anni sono fidanzata felicemente,convivo con il mio ragazzo,e vivo in provincia di Como lontano dalla mia famiglia che invece vive a napoli. Soffro di attacchi di panico e stati d'ansia da circa 3anni. Il mio problema, spiegandolo brevemente, è stare da sola. Tre anni fa, al primo avviso andai in cura da uno psicologo, che, con una cura di psicofarmaci, mi aiutò ad allontanare il problema, ma dopo un paio di mesi dalla fine della cura tornò panico e ansia. Io non riesco a stare da sola in casa, fare viaggi lunghi da sola..prendo l'aereo da sola ma non l'autobus..lavoro come impiegata di pomeriggio, ma tutte le mattine alle 6:30 quando il mio fidanzato esce di casa per andare a lavoro, l'ansia mi costringe ad alzarmi dal letto, vestirmi e uscire di casa,proprio non riesco a rasserenarmi e questo credetmi mi fa male, so che lo stato d'ansia è un problema COMUNISSIMO! soprattutto in noi govani,ma mi porta un disagio personale e iterpersonale non indifferente. Considerando anche che fino a 3anni fa ero una ragazza più che solare,mi piacerebbe tornare come prima..Grazie

 

 

 Cara Irene, il disturbo da attacchi di panico è un disturbo molto diffuso, e per questo è importante conoscerne bene le caratteristiche e rivolgersi presso professionisti esperti nel settore. Tale disturbo, come tu hai imparato, da sola a conoscere e ad avvertire, non è meramente un meccanismo che deriva dall'alterazione di uno stato fisico, come ad esempio può accadere nel momento in cui si urta la mano e poi si crea un ematoma. Il tutto ha un'origine più profonda, che parte da uno stato d'animo, da un idea, da un cambiamento, che genera consapevolmente o inconsapevolmente, ansia, e ha a che fare con l'elaborazione mentale e cognitiva dell'evento o dello stato emotivo in sé. L'attacco di panico ha, quindi, un'origine psicologica, e di conseguenza curarlo esclusivamente con dei farmaci, e sopratutto quelli sbagliati, non porta a risolvere il problema. E' importante, fondamentale direi, l'elaborazione cognitivo - mentale che è alla base, e lavorare su quello. Il tutto può essere generato, nel caso specifico, dalla paura di restare sola, che è comune a tante persone, dai cambiamenti che sono avvenuti nel corso della tua vita, come semplicemente all'allontanarsi dalla propria famiglia, e dal proprio paese di origine. Sono questi, i punti da cui bisogna partire, per capire cosa è accaduto, qual è stato il "Black-out".. I farmaci, quelli specifici, aiutano diciamo, a mettere a posto "il materiale" che permette il corretto funzionamento di tutte le sostanze neurologiche, ma se non vi è il riconoscimento della causa mentale, emotiva, che ha smosso/alterato tali meccanismi, si resta a metà dell'opera. Quindi ti consiglio di rivolgerti ad uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale della tua zona. In bocca al lupo.

(Risponde la Dott.ssa Marianna Liotino)

Pubblicato in data 16/03/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

News Letters