Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacco di panico (145956)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 184 volte

Irene 23

Salve, mi chiamo Irene ho 23anni sono fidanzata felicemente,convivo con il mio ragazzo,e vivo in provincia di Como lontano dalla mia famiglia che invece vive a napoli. Soffro di attacchi di panico e stati d'ansia da circa 3anni. Il mio problema, spiegandolo brevemente, è stare da sola. Tre anni fa, al primo avviso andai in cura da uno psicologo, che, con una cura di psicofarmaci, mi aiutò ad allontanare il problema, ma dopo un paio di mesi dalla fine della cura tornò panico e ansia. Io non riesco a stare da sola in casa, fare viaggi lunghi da sola..prendo l'aereo da sola ma non l'autobus..lavoro come impiegata di pomeriggio, ma tutte le mattine alle 6:30 quando il mio fidanzato esce di casa per andare a lavoro, l'ansia mi costringe ad alzarmi dal letto, vestirmi e uscire di casa,proprio non riesco a rasserenarmi e questo credetmi mi fa male, so che lo stato d'ansia è un problema COMUNISSIMO! soprattutto in noi govani,ma mi porta un disagio personale e iterpersonale non indifferente. Considerando anche che fino a 3anni fa ero una ragazza più che solare,mi piacerebbe tornare come prima..Grazie

 

 

 Cara Irene, il disturbo da attacchi di panico è un disturbo molto diffuso, e per questo è importante conoscerne bene le caratteristiche e rivolgersi presso professionisti esperti nel settore. Tale disturbo, come tu hai imparato, da sola a conoscere e ad avvertire, non è meramente un meccanismo che deriva dall'alterazione di uno stato fisico, come ad esempio può accadere nel momento in cui si urta la mano e poi si crea un ematoma. Il tutto ha un'origine più profonda, che parte da uno stato d'animo, da un idea, da un cambiamento, che genera consapevolmente o inconsapevolmente, ansia, e ha a che fare con l'elaborazione mentale e cognitiva dell'evento o dello stato emotivo in sé. L'attacco di panico ha, quindi, un'origine psicologica, e di conseguenza curarlo esclusivamente con dei farmaci, e sopratutto quelli sbagliati, non porta a risolvere il problema. E' importante, fondamentale direi, l'elaborazione cognitivo - mentale che è alla base, e lavorare su quello. Il tutto può essere generato, nel caso specifico, dalla paura di restare sola, che è comune a tante persone, dai cambiamenti che sono avvenuti nel corso della tua vita, come semplicemente all'allontanarsi dalla propria famiglia, e dal proprio paese di origine. Sono questi, i punti da cui bisogna partire, per capire cosa è accaduto, qual è stato il "Black-out".. I farmaci, quelli specifici, aiutano diciamo, a mettere a posto "il materiale" che permette il corretto funzionamento di tutte le sostanze neurologiche, ma se non vi è il riconoscimento della causa mentale, emotiva, che ha smosso/alterato tali meccanismi, si resta a metà dell'opera. Quindi ti consiglio di rivolgerti ad uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale della tua zona. In bocca al lupo.

(Risponde la Dott.ssa Marianna Liotino)

Pubblicato in data 16/03/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

News Letters