Pubblicità

Attacco di panico o stress (140543)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 184 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giada 27

Salve, non so se ho avuto un attacco di panico, o se il mio è semplice stress. Ad agosto sono stata in vacanza in un posto che non mi piaceva affatto, con non proprio un ottima compagnia. Nel bel mezzo di una cena, il mio corpo si "estranea", sento le gambe e le mani formicolare, non capisco quello che i miei amici dicono (come se non li sentissi proprio), sento come se dovessi andare in bagno di corsa, e mi ripetevo "adesso urlo che voglio andare a casa", ma poi mi sono calmata, ho detto ai miei amici che non stavo bene e me ne sono tornata in albergo. Poi da agosto a ieri tutto bene. Ieri sera a casa più o meno le stesse sensazioni, ma questa volta avevo tremori (non formicolii alle gambe, capivo benissimo cosa dicevano gli altri), sono andata dai miei genitori chiedendo loro se mi volevano bene, e, ovviamente al loro "si, certo!" mi sono calmata. Sono una ragazza ottimista, serena, sempre sorridente,ho un buon lavoro, una famiglia che mi vuole bene, sono serena, e sinceramente non riesco a capire come mi succede. Forse è "colpa" di una convivenza finita male? di un'amicizia ventennale sfumata nel vento senza che io sappia il perchè?
la mia domanda è, quello che ho descritto cos'è? Mi spaventa, ma so che se mi calmo e dico "non è niente, passa tutto", poi effettivamente tutto passa.

Carissima Giada, è proprio una bruttissima sensazione quella che hai vissuto e sicuramente è dovuto ad una forte tensione causata dall'ansia. Probabilmente non eri a tuo agio in certe situazioni o avevi dei pensieri e delle angosce che ti tormentavano, per questo il tuo corpo ha reagito in quel modo, per farti capire che c'è qualcosa che non va, che ti crea angoscia e di cui dovrai occuparti se vuoi ritornare a vivere realmente serena. Dovrai capire e trovare l'origine di questa angoscia per cercare di risolvere il conflitto che c'è in te. Purtroppo da sola non è semplice, forse potresti essere condotta in questo percorso di conoscenza da uno psicologo. Vorrei comunque consigliarti di chiedere un parere al tuo medico curante rispetto a questi episodi in quanto prima di tutto bisogna escludere che questi sintomi siano causati da una problematica fisica, ciò è veramente molto importante. Sarebbe anche molto utile approfondire come mai la convivenza è finita male e l'amicizia è sfumata senza che tu sappia il perchè. Ciò che desideri è dare un nome a quello che ti succede ma non è possibile da ciò che mi hai descritto, bisogna approfondire ulteriormente per fare una diagnosi e un bravo psicologo, una volta escluse problematiche fisiche, potrà aiutarti a capire ciò che ti succede e perchè. Un caloroso augurio e un forte abbraccio.

(Risponde la Dott.ssa Baggieri Diana)

Pubblicato in data 11/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Ansia/Stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

News Letters

0
condivisioni