Pubblicità

Avere una relazione con una persona che soffre d'ansia (1608137951806)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 96 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Carpazia, 30 anni

domanda

 

 

Buonasera,

il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è ben poco materiale, soprattutto online, per chi è dall'altra parte della barricata, per chi sceglie di rimanere accanto a qualcuno che soffre di ansie, di paure vere o ingiustificate che siano.

Il mio ragazzo soffre per l'appunto di questo disturbo, e mi interesserebbe capire come potergli essere di supporto nel modo giusto.

Per fortuna non ho mai avuto questo tipo di problemi, mai sofferto di attacchi di panico etc anzi, sono una persona molto sicura e risoluta, perciò mi sento alquanto impreparata in merito.
Non ho nessuna intenzione di sostituirmi al suo psicologo perchè non sono cose che mi competono.

Vorrei solo un aiuto per relazionarmi a chi vive con questi stati d'ansia, alcune volte invalidanti. Un partner cosa potrebbe/dovrebbe fare per essere REALMENTE di supporto? come fare per non sabotare la relazione o la mia tranquillità mentale? non nascondo che alcune volte mi sento come se mi escludesse e questo mi fa pensare che voglia lasciarmi. Lui stesso quando ne parliamo dice che non c'è molto che io possa fare, che non vuole essermi di peso o trascinarmi nei suoi problemi, ma io credo che chi si reputa una coppia debba sostenersi e aiutarsi, non sempre è tutto rose e fiori..

Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Gent.le Carpazia,

comprendo bene che sia preoccupata per il suo fidanzato, ma ritengo opportuno che l'unico consiglio che può dargli è di richiedere un aiuto psicologico per superare queste paure ed ansie. Inoltre rispetto al vostro rapporto potrebbe essere utile stabilire un dialogo chiaro, esplicitare ogni vostra intenzionalità relazionale, la comunicazione sarà utile per rassicurare le paure del suo ragazzo e piano piano stabilire tra voi una relazione più stabile affettivamente. Non occorre che lei faccia da "crocerossina" di fronte alla situazione con lui, basta soltanto cercare di comprendere davvero di cosa lui abbia paura e poterlo rassicurare, non come una mamma, ma come una fidanzata capace di capirlo. Anche lei non si dimentichi che è un rapporto reciproco e paritario d'amore per cui necessita che anche lui comprenda i suoi bisogni e le venga incontro. Dialogate tanto e parlate delle cose che vi danno fastidio e che non vi fanno stare bene.

Un cordiale saluto

Dr.ssa Iolanda Lo Bue

 

Pubblicato in data 11/01/2021

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia relazione affettiva;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

News Letters

0
condivisioni