Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

consulenza psicologica(47006)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 105 volte

Maria, 46anni (5.1.2002)

Mi sento a disagio in posti affollati (cinema, negozi, parrucchiere) in un cinema affollato dopo 20 minuti di programmazione sono uscita per un senso di soffocamento e di paura.Arrivo a casa e tutto mi passa.Ho sempre un tremolio alle gambe e al braccio destro.Ho avuto un attacco di panico 2 anni fa in un aeroporto (CON INTERVENTO DEL MEDICO E SEDATIVI) da allora seguo terapia farmacologica (Xanax 2 volte all 'anno) ma non riesco comunque ad allontanarmi di molto dalla mia citta o dalla mia casa perche ho sempre paura di stare male.Soffro un poco l'ambiente di lavoro (problemi interpersonali con un capo e una collega) anche se il mio lavoro mi piace molto credo di aver sofferto e di soffire per alcune situazioni che si sono create e si creano (non sempre per fortuna). Ho anche spesso paura che accada qualcosa di brutto a mio marito (non abbiamo figli)e ho anche malinconia e voglia di piangere... VORREI tornare come prima,attiva, serena, viaggiare e divertirmi GRAZIE PER AVERMI ASCOLTATO ...CONFIDO IN UNA RISPOSTA. Da quello che scrive, sembra che lei abbia sviluppato un disturbo di agorafobia abbastanza serio in seguito all'esperienza di un attacco di panico. Si tratta di una situazione molto comune per chi soffre di questa malattia, ed a volte puo' insorgere solo l'agorafobia dopo un solo ma severo attacco di panico. Il tipo di trattamento che si adopera in queste situazioni e' generalmente una terapia farmacologica mirata (spesso antidepressivi e ansiolitici) associata ad una psicoterapia. Il meccanismo d 'azione di queste due tecniche e' differente ma sinergico. I farmaci consentono di diminuire intensita' e frequenza degli attacchi di panico e nel contempo di riequilibrare il tono dell'umore (che mi sembra attualmente depresso). La psicoterapia consente invece di gestire l'ansia associata all' agorafobia e quindi di riprendere una vita normale, quasi come una riabilitazione. E' meno probabile che adottare una sola tecnica (farmaci oppure psicoterapia) senza l'altra complementare dia migliori risultati. Pertanto, credo che dovrebbe parlarne con lo psichiatra che la segue e valutare la possibilita' di effettuare anche una psicoterapia.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

News Letters