Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Crisi di panico? (002404)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 154 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Federica, 26 anni

Allora cerco di raccontare la mia situazione...premetto che è 3 mesi che sto seguendo una dieta e da 7 ho cambiato lavoro...( ed ho un titolare a dir poco agitato, non si ferma un attimo, nemmeno nel week-end). Dico questo perchè mi hanno detto che sicuramente la cosa avrà inciso nello stato angoscioso, e non esagero, in cui mi trovo! Da qualche tempo non mi sentivo bene, avevo qualche giramento di testa e faticavo a fare le scale, con senso di avere il cuore in gola...giorni fa mentre guidavo mi sono sentita un senso di soffocamento improvviso da portarmi istintivamente le mani al collo e un ronzio strano alla testa... incontrollabile... che nemmeno uscendo dall'auto all'aria aperta mi ha dato sollievo. Il giorno seguente stessa scena simile in un negozio, dove la le parole della commessa mi rimbombavano nella testa, mi è salito un caldo pazzesco, le mani mi sudavano e ho avuto un senso di svenimento... mi ricordo di una luce laser ad intermittenza dietro la commessa che mi stava facendo impazzire. Sono corsa al pronto soccorso in piena crisi di pianto e lì mi hanno misurato la pressione che era decisamente fuori dai valori normali, ma secondo me la pressione mi si era abbassata solo per lo spavento!
Sono stata dal mio medico che, dopo aver ascoltato cosa mi era accaduto nei 2gg. precedenti mi ha detto che è possibile che si sia trattato di crisi di panico e mi ha prescritto un medicinale per controllare l'ansia. Ho preso questa pasticca (mezza mattino e mezza sera) per 2gg. ma sono stati terribili, rallentata nei movimenti, intontita e faticavo a concentrarmi... così ho smesso di prenderla, ma mi sono sentita ancora poco bene, ero a pranzo insieme ad amici e le loro voci tutte insieme mi hanno infastido, stavo quasi per svenire e la testa ha cominciato a ronzare di nuovo e ad essere pesante! La dottoressa al che mi ha prescritto (dopo averla informata che quelle pasticche secondo me erano troppo pesanti) un'altro farmaco, 3 volte al dì...ma oggi la mia giornata è stata come al solito, sbalzi di umore continui, difficoltà a concentrarmi sul lavoro (non me lo posso permettere...) senso di debolezza a momenti, e pesantezza alla testa che non mi lascia un attimo! Cosa devo fare? Può essere qualcosa di grave? Vi prego di rispondermi, non so come fare! Sto malissimo! Grazie di cuore.

Come mai ha iniziato una dieta? Come mai ha cambiato lavoro? E come mai si trova ad aver scelto il suo attuale lavoro? Ricorda come ha avuto inizio il suo stato di malessere? Come mai lo stato psichico ed emotivo del suo principale è in grado di disturbarla così tanto?
Vede, lei ha fornito numerosi elementi che mi permettono di farle comprendere, spero, come sia necessario costruire insieme un eventuale percorso per " stare meglio ". Per dare veridicità alla sua descrizione lei inserisce continuamente " Mi hanno detto…”, ma quello che importa è invece che sia lei a dire. È la sua verità che importa. Chiaramente l'approccio farmacologico passa sopra alla soggettività, anzi la “seda”. Sta a lei scegliere come occuparsi del suo momento di disagio: sicuramente l'approccio farmacologico non va nella direzione di una comprensione dei motivi di fondo, può essere utile, ma va inserito in una risposta più complessa.

( risponde la dott.ssa Emanuela Marangon )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

News Letters

0
condivisioni