Pubblicità

crisi di panico (24082001)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 204 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luca, 28anni (24.8.2001)

"Salve. Ho scoperto questo sito oggi e ho letto di parecchie persone che soffrono di questi terribili disturbi proprio come me. E' strano come in 6 anni di crisi di panico e di internet non abbia mai fatto una ricerca per trovare informazioni al riguardo. Non cerco risposte perchè, bene o male, le ho già avute, voglio solo descrivere la mia situazione affinchè possa essere d'aiuto.
Una sera di 6 anni fa mi è scoppiata la prima crisi di panico dentro ad un cinema, l'enorme paura di morire mi ha fatto concludere la serata al pronto soccorso dove i medici mi hanno liquidato subito con 20 gocce di valium. Premetto che ho una famiglia normale, un lavoro, molti amici ed una ragazza, in generale non mi manca niente eppure sono sempre depresso e, cosa molto importante, non ho fiducia in me stesso. Comunque da quella sera è iniziato il mio "calvario".
Nell'arco di questi anni ho fatto alcune sedute con psicologi e psichiatri che mi hanno aiutato molto e sono arrivato alla conclusione che per venir fuori da questa situazione ci vuole una gran forza di volontà e molta costanza, cose che a me purtroppo mancano. Ho letto nel sito di parecchie persone con fobie diverse ma con gli stessi effetti che la crisi di panico porta come tachicardia, sudorazione ecc... aggiungerei che, personalmente, ho anche un senso di sogno perenne, per spiegarla meglio è come se alla mattina non mi svegliassi del tutto e la mia testa rimanesse offuscata, annebbiata.
L'ultima psichiatra mi aveva prescritto lo Seroxat, a mio parere molto buono come farmaco ma, per i motivi che ho citato sopra, ho puntualmente abbandonato sia il farmaco che le sedute.
Grazie per avermi dato l'occasione di scrivere sul sito. Saluti
Luca

Caro Luca credo che la sfiducia in te stesso e nelle tue capacità personali siano alla base dei tuoi problemi psicologici. Dici di voler risolvere il tuo problema degli attacchi di panico ma poi non ti decidi a seguire in modo costante le terapie che pur ritieni efficaci.... Credo che sicuramente dovresti assumere i farmaci anti depressivi e seguire anche una psicoterapia. Se da solo non riesci a farlo chiedi pure aiuto a chi ti sta vicino e ti vuole bene. Cioè chiedi magari alla tua ragazza o alla tua famiglia che ti incitino a seguire in modo costante le cure altrimenti i tuoi problemi chissà quando si risolveranno. Cerca anche di capire i motivi profondi della tua insicurezza ed incostanza a volte l'incostanza può nascondere una paura a crescere e responsabilizzarsi verso le proprie scelte.
Ciao e auguri.

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

News Letters

0
condivisioni