Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

dap (45957)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 110 volte

Enrico, 35anni (30.11.2001)

..2 anni fà iniziò il mio calvario di attacchi di panico,il primo prima di prendere un aereo,non lo avevo riconosciuto come tale,20 gocce di valium in un infermeria dell aereoporto e la vacanza proseguì serena senza preuccuparmi di quello che sarebbe successo a seguito.al ritorno di tale vacanza,il vero attacco avvenuto mentre percorrevo l autostrada in moto,corsa in ospedale e convincimento che avevo bisogno di uno psichiatra che mi congeda con dello xanax da 1 mg.suddiviso in 2 mg. al giorno x tre mesi niente da fare....allora decisi x un consulto e susseguente terapia psicologica 6 mesi ma ancora oggi ho delle strane manifestazioni di ansia con vertigini e tendenza allo svenimento....
Da premettere che 5 anni fà mi sono separato,in 5 anni ho avuto diverse relazioni ma non riesco a viverle al meglio...ho subito l allontanamento di mio figlio circa 3 anni fà ed ora vive a 1000 km. di distanza da me...1 settimana fà ho divorziato e stranamente nonostante la mia ex non mi abbia fatto nessun effetto,ho ricominciato a non stare troppo bene tanto da intaccare il rapporto che ho con la mia nuova compagna,donna che ritengo eccezionale se pur anche con lei viviamo un rapporto a distanza.ogni tanto per trovare coraggio prento 0,25 mg. di EN.stò iniziando a perdere lavoro..e questo mi spaventa cosa fare...dove ricercare i miei malumori??????

Gentile signor Enrico, l'attacco di panico si verifica per associazione inconscia ad un'immagine o situazione di abbandono che poi le investe con la sua emozione e che le provoca fisiologicamente modificazioni cardiache e respiratorie. Come ad esempio, mentre stiamo andando in macchina, in una bella giornata di sole, all'improvviso ci viene alla mente l'immagine di una persona che ci ha fatto un torto.
Subito abbiamo un' emozione di rabbia, il nostro cuore accelera i suoi battiti, il nostro corpo cambia e la persona in realtà non c'è, era solo un'imagine. Vediamo tutto nero e la nostra bella giornata non esiste più. Allo stesso modo accade un improvviso stato d'ansia, provocato da pensieri o fantasie negative che incosciamente o anche coscientemente lei fa e alle quali crede, guardandole nella sua fantasia, lei si emoziona negativamente.Le vertigini che lei soffre sono dovute al suo modo attuale di affrontare la situazione che lei oggi vive, situazione che subisce ma che internamente non accetta . Quando si avvicina lo stato di ansia, cerchi di mantenere la calma facendo un lento respiro, ascolti il suo cuore e parli a se stesso come se ci fosse in lei una parte più piccola che ha bisogno di rassicurazioni.
La vita è bella ma spesso la roviniamo con le nostre immagini e con i ricordi spiacevoli. Lei è una persona giovane, ha un lavoro, ha una donna che lo ama e un figlio che ha bisogno del suo amore. Se ha vissuto situazioni spiacevoli, non stia lì a ripensarle, si butti nelle cose che le procurano piacere e quando ha fantasie tristi, le cancelli come quando da piccoli si cancellava la lavagna.Vedrà che con questo piccolo esercizio fatto costantemente troverà di nuovo il sorriso. Auguroni.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters