Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

DAP e demotivazione (61505)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 144 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesco 39 anni, 25.01.2003

Sarebbe un'epopea. Quando avevo 17 anni, all'improvviso in un giorno tra i più felici della mia vita, ho avveretito sensazione di morte imminente, senso di estraneità all'ambiente circostante, disorientamento spaziotemporale. Initile dire il panico che ho provato, ma di organico si è poi constatato che non vi era nulla. Allora, DAP.
Da allora le cose sono andate precipitando "grazie" anche ai maledetti psichiatri dai quali sono stato sottoposto ad uno stillicidio di psicofarmaci potenti: triciclici a dosi da cavallo, SSRI, antiepilettici (?!!), antiparkinsoniani, benzodiazepine a sfare.
Risultato: sto molto peggio di prima anche perché mi sono poi rifugiato nell'alcol. La domanda mi sembra intrinseca in questo tragico racconto. Grazie

Mi sembra che le cure farmacologiche che lei cita siano andate ben oltre la prassi ordinaria della cura del DAP. Se poi lei ci aggiunge anche l'alcol, non fa che completare il quadro di eccessi.
Mi sembra quindi che l'alcol debba essere sospeso e che la terapia debba essere ridefinita con attenzione (quindi comunque da un bravo psichiatra), includendovi però senz'altro quella che ritengo la parte migliore e più importante nella cura dei disturbi da attacchi di panico: la psicoterapia.
Non ritengo che i DAP siano poi così difficili da trattare, ma certamente lei dovrà anche iniziare ad evitare del tutto l'alcol in ogni sua forma.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni