Pubblicità

DEPERSONALIZZAZIONE? (1504461143644)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 993 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoEmanuele, 20

 

domanda

 

 

Salve,

dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra tra l' altro insidiosa di per se).

Da qualche giorno prima che tornassi e poi molto più tornando in Italia ho avvertito un profondo senso di distacco dalla realtà che si avvicina alla depersonalizzazione, man mano il disturbo si sta attenuando ma volevo sapere se fosse possibile che lo sbalzo climatico/ambientale abbia portato a questo.

Da premettere il fatto che sono sempre stata una persona molto socievole e circondata da persone e che anche lì il fatto di essere sempre da solo è stato motivo di forte stress (tant è che ho concluso il contratto prima della scadenza dovuta).

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Caro Emanuele,

nella sua lettera descrive un’esperienza che ha avuto su di lei un impatto fortemente stressogeno: la condizione di isolamento dal mondo che ha vissuto in un ranch in Australia e a seguito della quale ha deciso di anticipare il rientro.

Rispetto a tale situazione, gli ultimi giorni del suo soggiorno in Australia e una volta rientrato in Italia, ha avvertito un “profondo senso di distacco dalla realtà che si avvicina alla depersonalizzazione”.

La depersonalizzazione è un meccanismo dissociativo (che si manifesta con un senso di estraneità rispetto al proprio sé e alla realtà circostante) che la mente può mettere in atto per difendersi rispetto ad eventi traumatici o stressanti.

In alcune circostanze può essere una modalità adattiva che la mente utilizza a fronte di condizioni particolarmente stressanti che superano la soglia della tollerabilità.

Lei non fornisce molte indicazioni sulle modalità con cui si è manifestata questa sensazione, ma dal momento che il disturbo si sta ora attenuando sembrerebbe poter essere inquadrato come una reazione circoscritta e ascrivibile alla situazione di stress che ha vissuto fino al momento del suo rientro e del progressivo riadattamento al suo usuale contesto ambientale.

Nel caso in cui il disturbo dovesse persistere ancora a lungo, un colloquio con uno psicoterapeuta può essere funzionale ad aiutarla nel fare maggiore chiarezza (facendo sempre riferimento ai professionisti iscritti all’Albo della sua regione di appartenenza).

Cari saluti

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

Pubblicato in data 14/09/2017

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita depersonalizzazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività è stata co...

News Letters

0
condivisioni