Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione bis (002003)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 150 volte

Paola, 46 anni

Ho 46 anni, assumo la pillola (arianna) per cisti ovariche da circa 3 anni. 15 anni fa sono entrata in depressione. Sono stata in terapia per circa 3 anni con fluoxeren, da allora più niente. Sono tendenzialmente ansiosa.
Vengo al fatto: un mese improvvisamente ho avuto una forte vertigine, sono riuscita a non cadere ma la paura è stata forte. Me la sto portando ancora con me adesso. Ho misurato la pressione ed era 150/100. In ambienti tranquilli e sicuri ritorna 120/80. Tutti gli accertamenti clinici finora eseguiti sono risultati essere nella norma. Ipertensione lieve solo di giorno; di sera e di notte invece la pressione è bassa. Il cardiologo non mi ha dato nulla, eccetto Lexotan al bisogno. Il mio medico mi ha prescritto lexotan 5ggx3die.
Io mi sento ancora più rincitrullita e svanita; mi sento, affaticata per un nonnulla, instabile, irritabile, asociale, depressa, spaventata. Faccio fatica ad uscire di casa, a camminare, ho brividi, a volte vampate, testa svanita, difficoltà di concentrazione, soffro d'insonnia, tendo ad isolarmi, io che amo uscire andare al cinema, a teatro etc.
Tutto è iniziato a Gennaio dopo la vertigine, ho gli attacchi di panico in luoghi pubblici, che limitano moltissimo la mia esistenza, vivo accanto ai miei, madre sempre negativa nei miei confronti, per lei non va mai bene niente, mi considera codarda e senza forza di volontà. Ho perso un fratello per malattia a 21 anni, mio padre è praticamente assente. Si difende come può. Ho usato la morte di mio fratello come motivazione per rimanere fuori al mondo per molti anni? Ora che da qualche anno mi sto staccando, è una continua lotta coi miei, mia madre da 10 anni non esce di casa se non per cose importanti per lei.
Ho avuto una relazione sentimentale per tre anni con un uomo sposato (in terapia psichiatrica). Ma da 2 settimane lui ha chiuso, gli è morta la madre, si è confessato ed è sparito. Ha detto che mi ama, che gli manco molto, che sono importantissima per lui, ma non vuole incontrarmi altrimenti ricadrebbe nel bellissimo e tremendo peccato. Stà troppo bene con me ma ha il terrore dell'inferno!
Era un uomo normale fino che non partiva per la tangente con la religione. Ora si è trasferito con la moglie e io lo considero ormai perso. Stò male e non posso nemmeno contare sui miei. Ho 46 anni non sono mica obbligata a raccontarle la mia vita privata.
Ho due lavori che ora non mi dicono più niente, non mi hanno mai coinvolto ma mi permettono entrate e tempo libero. Uno stipendio lo lascio ai miei.
E' come se il mio equilibrio interiore avesse cominciato a vacillare dopo quel primo episodio di vertigine. La mia amica psicologa mi dice che devo imparare a essere assertiva e non accettare tutto e ingoiare. C'è qualcosa della mia vita che non mi soddisfa e il mio corpo mi dà l'allarme. Tutto ciò mi ricorda gli anni della depressione e non mi piace per niente. La sera mi sembra di stare meglio nel complesso. Comunque da 2 mesi vivo malissimo e la paura ha preso il sopravvento. Qualsiasi minima novità, pur stupida che sia mi mette in forte ansia. Il ginecologo, carinissimo, mi ha detto che la menopausa avanza e può portare anche a questo, gli ho chiesto se devo smettere la pillola e mi ha detto di no, così il cardiologo, il medico della mutua e il mio medico di fiducia. La mia amica che è medico del lavoro mi ha consigliato di smetterla. Allora?
Il mattino per me è il momento peggiore della giornata...depressione in agguato? Vivo male...Cosa fare? Psichiatra o psicologo? O tutti e due insieme? Il mio medico curante non si pronuncia, mi lascia nel limbo. Scusi per le lamentele, ma servono a me per consolarmi visto che devo arrangiarmi da sola. Grazie di tutto.

Mia cara il tuo sconforto e la necessità di esternarlo sono più che giustificati; comprendere il disagio psicologico è difficile per questo raramente gli altri ci possono essere di aiuto. Da quanto riferito nella lettera emerge in modo improrogabile la necessità di affrontare il disturbo d'attacchi di panico a cui è riconducibile la maggior parte della sintomatologia lamentata. Per questo tipo di disturbo la via d'elezione per il trattamento è la psicoterapia cognitivo - comportamentale, integrata con trattamento farmacologico; bene quindi psicoterapeuta - psichiatra. Auguri.

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

News Letters