Pubblicità

Efficacia farmaci per depressione (1538592352931)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 567 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoGiovanni, 32

domanda

 

 

Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Zoloft 100 (1 compressa la mattina) e Olanzapina 2,5 mg (1 compressa la sera).

Non avendo però grandi effetti dalla cura il 19 settembre lo psichiatra mi ha aggiunto 1 compressa di Depakin 500 chrono da prendere di sera.

Oggi 3 ottobre però non ho miglioramenti. Devo aspettare ancora ? E' normale ? La visita di controllo è fissata per il 31 ma io spererei che la situazione migliori prima. Come mai prima due e poi tre medicine non fanno ancora effetto ? Nel frattempo continuo con la mia ansia da ipocondria, aggravata dal fatto che vivo da solo a oltre 600 km da casa e la mia colite si è accentuata. Grazie per l'eventuale risposta.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Caro Giovanni,
purtroppo non so darle un parere riguardo alla cura farmacologica che sta seguendo. Gli psicofarmaci, infatti, sono di competenza del medico psichiatra, mentre noi psicologi utilizziamo metodologie di cura diverse dai farmaci, principalmente la terapia della parola, le tecniche di rilassamento, la comprensione del significato dei sintomi eil sostegno psicologico in un percorso di cambiamento.

Per la sofferenza della psiche non esiste, né nei farmaci né in alcuna tecnica psicologica, una soluzione universale che risolva qualsiasi problema per tutti: se la terapia farmacologica che sta seguendo ora non le dà beneficio, può darsi che non sia ciò che fa al caso suo, o più probabilmente che non sia sufficiente da sola. In questo caso, potrebbe esserle utile integrarla con un percorso di psicoterapia, che non agisca soltanto sui sintomi, ma sull'interezza della sua esperienza.

In ogni caso, se c'è una cosa che mi sento di poterle dire riguardo agli psicofarmaci, nel caso in cui decida in futuro di sospenderli, le sconsiglio di farlo in modo improvviso: l'interruzione di qualsiasi terapia psicofarmacologica va concordata con un medico ed effettuata in modo lento e graduale, per evitare scompensi e disturbi collaterali.

 

 

Pubblicato il 09/10/2018

 

A cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione consulenza online gratuita farmaci

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni