Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ereutofobia (009249)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 175 volte

Mina,24 anni

Ciao.Sono Mina ,ho 24 anni e frequento l'università. Ho 2 sorelle e una situazione familiare tranquilla.Nonostante ciò non ho un rapporto molto aperto con i miei genitori.Ma il mio grande problema è il rossore che mi perseguita dall'età di tredici anni piu' o meno. In passato ero molto timida poi quando sono arrivata alle superiori il mio carattere è andato migliorando ma non il mio problema. Divento rossa quando mi trovo al centro dell'attenzione,quando sento tutti gli sguardi su di me o quando qualcuno mi fissa ed ancora quando mi fanno domande troppo personali o so che sto per dire una bugia. Per un periodo di tempo ho risolto il mio problema, non so come ho fatto. Quando diventavo rossa lo ammettevo davanti agli altri dicendo:" si si lo so, sono diventata rossa...è una cosa che mi capita sempre..che ci volete fare.." e poi sorridevo ed era tutto passato, più facile da superare. Per un periodo di tempo è andata meglio poi non so come è tornato tutto com'era. Prima mi accorgevo sempre del rossore, ora no. Allora quando me ne accorgo vorrei sprofondare e nascondermi ma quando non me ne accorgo c'è sempre qualcuno che me lo fa notare:"ah ti sei fatta rossa" ed allora vorrei rispondere e a ta che te ne f...e!!! Ho scoperto che la mia è "paura di arrossire "e nel momento stesso in cui ci pensi sei fregato.In realtà ultimamente ho anche probemi a relazionarmi con gli altri ma non è grave la situazione. Però ho paura che peggiori. Se non fosse per questo mio ostacolo sarei una persona solare e sempre al centro dell'attenzione.E invece spesso sfuggo queste situazioni ma altre volte non me ne importo perchè io voglio poter parlare e scherzare a testa alta, ma è molto difficile quando diventi tutta rossa e ti senti a disagio!!!Forse dovrei affrontare il problema in modo aperto con gli altri e non nascondere la testa sotto la sabbia! Ho paura di questo mio problema soprattutto per un mio futuro lavorativo...che possibilmente non preveda colloqui! Perchè chi è che assumerebbe una che diventa rossa come un peperone? Spero che lei possa darmi un piccolo conforto o una spinta per affrontare il problema. E spero di poter confrontare la mia esperienza con altre persone. Aiutatemi. La ringrazio anticipatamente, Mina

La paura di arrossire è certamente un problema che angoscia molte persone, ognuno però cerca di superarlo usando le più disparate strategie di dissimulazione per non farsi notare. Alla base c'è una paura di scoprirsi troppo con l'altro e rivelare un momento di fragilità, specialmente nel momento in cui non si desidererebbe mai essere "scoperti" e vulnerabili. Per ciascuno ci sono origini diverse del problema, può essere utile trovare soluzioni del genere già sperimentato (ovvero essere i primi a sdrammatizzare in modo da prevenire il giudizio dell'altro). Credo che una soluzione sia quella di disinvestire l'attenzione dal proprio rossore concentrandosi su qualcosa di diverso che si ritiene più importante. Si può anche seguire la strada dell'autoanalisi e chiedersi per quale motivo ci si nasconde agli occhi dell'altro e provare a superare ogni complesso, rilassandosi all'idea che in fondo... non siamo troppo male e che non accade niente di catastrofico se qualcuno nota qualche variazione nel colore del viso. Possiamo trasformare il nostro "punto debole" in un vantaggio riflettendo sul fatto che siamo esseri più sensibili degli altri e reagiamo con maggiore partecipazione.

( risponde il dott. Renato Vignati )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di crescita personale per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Madre con disturbo narcisistic…

emcla, 32     Dopo diversi anni di quella che riconosco essere una dipedenza affettiva mi sono trovata a leggere del disturbo narcisistico di per...

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters