Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ingoiare accidentalmente ( 016726)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 1138 volte

Marco, 29 anni
E'da parecchi anni che convivo con un problema che credo sia abbastanza grave almeno per come mi sento. Molti anni fa una mia amica è morta perchè ha ingoiato per sbaglio un ago, gli è andato in circolazione e dopo 10 anni di interventi per cercare questo ago dentro l'organismo non trovandolo mai (la operavano e l'ago scivolava via) è deceduta.
Da questa cosa mi è nata una fobia pazzesca ho paura anche io di aver ingoiato un ago o qualcosa di simile magari senza essermene accorto addirittura nel dormiveglia. Non riesco più a capire se è una mania o mi può essere successo anche a me involonariamente.
Ho difficolta a distinguere la realtà dalla verità, nel senso che non riesco a capire se mi può essere succeso o me lo metto in testa io. Per favore aiutatemi. Mi piacerebbe avere qualche spiegazione da qualcuno che mi dica se dovrei avere dei disturbi se avessi ingoiato sul serio qualcosa oppure la cosa è asintomatica? Grazie spero tanto in una vostra risposta

Caro Marco, alcune parole che usi mi hanno colpito: "ho difficoltà a distinguere la realtà dalla verità". Sicuramente intendevi dire la realtà dalla fantasia, oppure la verità dalla menzogna. Ma, come saprai, i lapsus (cioè lo scambio di parole o di gesti) hanno un significato profondo. Da questa tua frase deduco che il fatto di aver ingoiato accidentalmente un ago lo senti come molto reale, è la verità per te. Dunque sicuramente ne morirai.
La tua mente si concentra su questa paura per non ammettere che la tua è in realtà una paura più astratta: è paura della morte. Ti sei spaventato tantissimo in seguito alla morte della tua amica, probabilmente è avvenuta in un momento di tua grande fragilità emotiva. Ti ha colpito a tal punto che ti senti di essere sopravvissuto ingiustamente, mentre lei è morta. Ora dunque dovrai pagare per questa fortuna, ingoiando un ago anche tu.
Succede a chi è testimone della morte di una persona cara, morte accidentale contro la quale non si è potuto fare assolutamente nulla, si è rimasti a guardare, completamente impotenti. L'ago scivolava ogni volta che i medici cercavano di estrarlo..quindi questo ago era veramente cattivo, voleva proprio uccidere questa persona, e tu non hai potuto salvarla. Nel nostro inconscio le cose avvengono secondo delle leggi particolari, tutto ha una causa, un colpevole.
Ma nella realtà esterna alla nostra mente invece esiste il caso. La tua amica è morta per un caso sfortunato, non c'è un colpevole. E non è ammalandoti anche tu, di una nevrosi ossessiva, che farai tornare i conti con il destino. Se senti il bisogno di approfondire questo discorso potresti rivolgerti ad uno psicoterapeuta con il quale parlarne più a lungo. In bocca al lupo

 

 

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure/fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

News Letters