Pubblicità

Ingoiare accidentalmente ( 016726)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 2642 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco, 29 anni
E'da parecchi anni che convivo con un problema che credo sia abbastanza grave almeno per come mi sento. Molti anni fa una mia amica è morta perchè ha ingoiato per sbaglio un ago, gli è andato in circolazione e dopo 10 anni di interventi per cercare questo ago dentro l'organismo non trovandolo mai (la operavano e l'ago scivolava via) è deceduta.
Da questa cosa mi è nata una fobia pazzesca ho paura anche io di aver ingoiato un ago o qualcosa di simile magari senza essermene accorto addirittura nel dormiveglia. Non riesco più a capire se è una mania o mi può essere successo anche a me involonariamente.
Ho difficolta a distinguere la realtà dalla verità, nel senso che non riesco a capire se mi può essere succeso o me lo metto in testa io. Per favore aiutatemi. Mi piacerebbe avere qualche spiegazione da qualcuno che mi dica se dovrei avere dei disturbi se avessi ingoiato sul serio qualcosa oppure la cosa è asintomatica? Grazie spero tanto in una vostra risposta

Caro Marco, alcune parole che usi mi hanno colpito: "ho difficoltà a distinguere la realtà dalla verità". Sicuramente intendevi dire la realtà dalla fantasia, oppure la verità dalla menzogna. Ma, come saprai, i lapsus (cioè lo scambio di parole o di gesti) hanno un significato profondo. Da questa tua frase deduco che il fatto di aver ingoiato accidentalmente un ago lo senti come molto reale, è la verità per te. Dunque sicuramente ne morirai.
La tua mente si concentra su questa paura per non ammettere che la tua è in realtà una paura più astratta: è paura della morte. Ti sei spaventato tantissimo in seguito alla morte della tua amica, probabilmente è avvenuta in un momento di tua grande fragilità emotiva. Ti ha colpito a tal punto che ti senti di essere sopravvissuto ingiustamente, mentre lei è morta. Ora dunque dovrai pagare per questa fortuna, ingoiando un ago anche tu.
Succede a chi è testimone della morte di una persona cara, morte accidentale contro la quale non si è potuto fare assolutamente nulla, si è rimasti a guardare, completamente impotenti. L'ago scivolava ogni volta che i medici cercavano di estrarlo..quindi questo ago era veramente cattivo, voleva proprio uccidere questa persona, e tu non hai potuto salvarla. Nel nostro inconscio le cose avvengono secondo delle leggi particolari, tutto ha una causa, un colpevole.
Ma nella realtà esterna alla nostra mente invece esiste il caso. La tua amica è morta per un caso sfortunato, non c'è un colpevole. E non è ammalandoti anche tu, di una nevrosi ossessiva, che farai tornare i conti con il destino. Se senti il bisogno di approfondire questo discorso potresti rivolgerti ad uno psicoterapeuta con il quale parlarne più a lungo. In bocca al lupo

 

 

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure/fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

News Letters

0
condivisioni