Pubblicità

Madre con demenza senile (1537023486398)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 515 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertomari1881, 61

domanda

 

 

Ho mia madre 85enne all'ospedale per una operazione all'anca ma è affetta da demenza senile progressiva e il recupero è davvero difficile, come figlia ho una mia vita con interessi e attività e abito un po' lontano e non riesco a occuparmi di lei come vorrebbe un'altra figlia cioè, giornalmente.

Non ce la faccio. Mi sento però in grave colpa quasi a dover scegliere tra la mia famiglia e mia madre. Dormo poco e provo una pena infinita quando la guardo, ma non ce la faccio a seguirla, non voglio. Questo senso di colpa mi sta distruggendo l'esistenza. Avete qualche suggerimento per aiutarmi? Grazie infinite.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara mari1881,

la condizione di malattia di un genitore anziano non più autosufficiente costituisce una prova dolorosa e complessa da affrontare che ha delle forti ripercussioni sull’assetto familiare e gli equilibri su cui poggia. Ne consegue l’esigenza di una ridefinizione dei ruoli all’interno della famiglia con un impatto rilevante sulla dimensione di vita individuale in cui risulta difficile conciliare impegni e responsabilità.

La sua affermazione: “Non ce la faccio”. Contrapposta a: “Mi sento però in grave colpa”  racchiude il focus del problema: il dilemma nel quale da un lato non riesce ad occuparsi giornalmente di sua madre ed è nel contempo afflitta da gravi sensi di colpa.

Nel caso in cui si riesca a mediare giungendo ad un accordo con i familiari coinvolti rispetto alla condivisione delle responsabilità, risulta maggiormente possibile indirizzarsi verso un punto di conciliazione tra la dispensa di cure al genitore malato e le esigenze di vita personale. Laddove un approccio sinergico di questo tipo non fosse possibile, si potrebbe pensare di fare riferimento anche all’aiuto di una persona esterna alla famiglia al fine di evitare che le responsabilità vengano incentrate unicamente su un familiare con il conseguente sovraccarico emotivo e rischio di burnout.

In sintesi, una gestione che possa essere non solitaria ma condivisa può contribuire al mantenimento di un clima più sereno e positivo in cui si sostanziano le cure alla persona bisognosa e allo stesso tempo si possono contenere i forti aspetti di risonanza emotiva legati al proprio caro malato.
Cari auguri per un positivo superamento.

 

Pubblicato il 04/10/2018

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita madre demenza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Ansia che causa senso di vomi…

1234, 20 anni Salve, è da qualche mese che certe situazioni come esami orali, uscite con ragazze e in alcuni casi feste/discoteche mi causano, prima di in...

Area Professionale

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni