Pubblicità

Madre con demenza senile (1537023486398)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 604 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertomari1881, 61

domanda

 

 

Ho mia madre 85enne all'ospedale per una operazione all'anca ma è affetta da demenza senile progressiva e il recupero è davvero difficile, come figlia ho una mia vita con interessi e attività e abito un po' lontano e non riesco a occuparmi di lei come vorrebbe un'altra figlia cioè, giornalmente.

Non ce la faccio. Mi sento però in grave colpa quasi a dover scegliere tra la mia famiglia e mia madre. Dormo poco e provo una pena infinita quando la guardo, ma non ce la faccio a seguirla, non voglio. Questo senso di colpa mi sta distruggendo l'esistenza. Avete qualche suggerimento per aiutarmi? Grazie infinite.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara mari1881,

la condizione di malattia di un genitore anziano non più autosufficiente costituisce una prova dolorosa e complessa da affrontare che ha delle forti ripercussioni sull’assetto familiare e gli equilibri su cui poggia. Ne consegue l’esigenza di una ridefinizione dei ruoli all’interno della famiglia con un impatto rilevante sulla dimensione di vita individuale in cui risulta difficile conciliare impegni e responsabilità.

La sua affermazione: “Non ce la faccio”. Contrapposta a: “Mi sento però in grave colpa”  racchiude il focus del problema: il dilemma nel quale da un lato non riesce ad occuparsi giornalmente di sua madre ed è nel contempo afflitta da gravi sensi di colpa.

Nel caso in cui si riesca a mediare giungendo ad un accordo con i familiari coinvolti rispetto alla condivisione delle responsabilità, risulta maggiormente possibile indirizzarsi verso un punto di conciliazione tra la dispensa di cure al genitore malato e le esigenze di vita personale. Laddove un approccio sinergico di questo tipo non fosse possibile, si potrebbe pensare di fare riferimento anche all’aiuto di una persona esterna alla famiglia al fine di evitare che le responsabilità vengano incentrate unicamente su un familiare con il conseguente sovraccarico emotivo e rischio di burnout.

In sintesi, una gestione che possa essere non solitaria ma condivisa può contribuire al mantenimento di un clima più sereno e positivo in cui si sostanziano le cure alla persona bisognosa e allo stesso tempo si possono contenere i forti aspetti di risonanza emotiva legati al proprio caro malato.
Cari auguri per un positivo superamento.

 

Pubblicato il 04/10/2018

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita madre demenza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni