Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

malessere (166395)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 464 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Michela, 22

D

 

 

Per un po' ho sofferto di una leggera fobia sociale, dalla quale sono uscita da sola mediante una esposizione graduale e ora non ho più nessun problema su quel fronte.
Però è nato un nuovo problema. Periodicamente mi ritrovo senza appetito e con uno stato di nausea e malessere costante. Mi ritrovo pervasa senza motivo da uno stato di angoscia. Questo mi è appena capitato, sto riprendendo a mangiare, ma durante la giornata mi prende ancora questa sensazione ingiustificata di angoscia. Cercando su internet una causa mi sono fatta prendere dal panico e ora sono in un circolo vizioso nel quale ho ansia perché credo di soffrire d'ansia, quindi soffro di ansia ecc.

Quando devo mettermi a tavola in alcuni momenti è tutto ok, in altri inizio a pensare oddio vomito, oddio ho l'ansia, oddio è tornato.
A breve inizierò un percorso psicoterapico, ma vorrei un consiglio su cosa fare nell'immediato. Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 

 

Gentile Michela, lei mi ha inizialmente parlato di fobia sociale che, come mi ha accennato, è riuscita a superare. Ora, per quanto riguarda le difficoltà che sta riscontrando in questo periodo inerenti ad un presunto stato ansioso, bisogna capire a cosa sia dovuto, cioè cosa ha potuto scaturire questo stato, e se potrebbe essere ancora correlato con la fobia sociale, anch’essa disturbo d’ansia. In attesa di un percorso terapeutico, nell’immediato potrebbe cercare un modo per di rilassarsi, anche facendo degli esercizi di respirazione lenta. Cerchi di evitare di pensare al problema anche se questo sembra piuttosto evidente, in quanto il pensare incrementa il livello di ansia. Seguendo comunque una psicoterapia riuscirà completamente a risolvere il suo problema. Un saluto.

 

(A cura della Dott.ssa Ilaria Palumbo)

 

Pubblicato in data 13/09/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni