Pubblicità

panico (45680)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 162 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giuseppe, 40anni (23.11.2001)

Vorrei gentilmente sapere come uscire da questa situazione che porto dietro da molto tempo.Non vorrei essere noioso nel ripercorre tutte le tappe.Ma sino ad oggi, non sono riuscito a vincere queste (crisi) attachi di panico che vivono con me sin dal 1989.essendomi recato da molti vs. colleghi non so il perchè, non riesco a vincere queste..... Le spiego l'evolversi delle crisi che giorno dopo giorno mi ritrovo a combattere: Mi capita di dover pensare spesso durante la giornata di non riuscire a respirare...dopo la prima fase con un'inizio ascendente, mi ritrovo a cercare di fuggire non so neanche io dove ma devo recarmi fuori, sudorazione delle mani con annessa tachicardia blocco del respiro per pochi secondi, e poi fase discendente con adrenalina al massimo e come sè avessi fatto una partita di calcio.Le dico che ho dovuto modificare la mia vita in un modo particolare adesso sono stufo di tutto cio' e non voglio rintanarmi in casa e ......ho voglia di uscire giocare a calcio ecc. ecc.. voglio e devo VIVERE

Caro Giuseppe, lei ha gia' una diagnosi di disturbo di attacchi di panico (DAP) e cio' che racconta esprime perfettamente l'evoluzione di un attacco di panico, compresa la fase preliminare di paura che rappresenta l'aspetto piu' debilitante nella vita quotidiana. Il DAP e' purtroppo una malattia che va affrontata con una strategia piuttosto complessa ed individualizzata. Lo schema generalmente seguito consiste nell'associare una terapia farmacologica specifica con una psicoterapia. La terapia farmacologica serve a bloccare i circuiti di neuromeditori che sono responsabili dell'attacco vero e proprio mentre la psicoterapia ha una funzione quasi riabilitativa essenziale quanto i farmaci. Serve infatti ad imparare ad affrontare quelle situazioni che fanno solitamente paura e quindi vengono evitate, costringendo chi ne soffre ad una vita quasi da invalido.
Una buona combinazione (individualizzata, ripeto; nel senso che i farmaci vanno attentamente monitorati nel tempo sia per il raggiungimento della dose terapeutica che per la progressione dello scalare mentre la psicoterapia va impostata a seconda della sua personalità e del suo stile di vita) di questi due strumenti consente di ottenere in genere ottimi risultati. Lei accenna al fatto che soffre di DAP da oltre 10 anni e che ha consultato molti specialisti. Non so pero' che terapia ha seguito o sta seguendo, quindi non so cosa consigliarle di piu' specifico. Lo schema terapeutico consiste generalmente in cio' che ho esposto sopra. Se qualcosa non ha funzionato in passato nella sua terapia, bisognerebbe capirne il motivo e ipotizzare qualche tattica terapeutica alternativa.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters

0
condivisioni