Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Panico e depressione (079465)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 95 volte

Francesco, 33 anni

Salve, cercherò in breve di spiegare la mia situazione. Sono stato sposato per 5 anni con una donna molto spirituale, e dunque non molto propensa al sesso.. Questo legame a lungo andare a provocato in me un profonda crisi legata al fatto di non sentirmi apprezzato, desiderato come uomo, fino al punto di non poter più sopportare di andare avanti in quella situazione.. Di conseguenza il mio matrimonio ha subito una recente frattura.
Ora viviamo separati.Ho una nuova partner. La mia vita sessuale sembrava aver ritrovato il giusto equilibrio. Il problema che si è venuto a creare dentro di me è la continua ansia nell' avere rapporti, nel non sentirmi all' altezza, e soprattutto nel non provare piacere come lo provavo anche solo un anno fa. Insomma l'orgasmo tarda a venire. Inoltre a volte ho delle crisi di pianto e di panico.
Temo l'abbandono da parte della mia compagnia, e a volte sono vermedamente geloso anche delle sue amicizie. Come se queste potessero intaccare il nostro rapporto in qualche modo Ebbene, le cause sembrerebbero abbastanza chiare dal mio punto di vista. A differenza del modo in cui poter superare tutto ciò. Spero di poter ricevere una risposta da voi. Grazie per l'attenzione.

Caro Francesco, se individui le ragioni di questo malessere, sei già ad un buon punto, perché ritengo che la consapevolezza sia il primo passo per il cambiamento. Sembra che il problema nasca soprattutto da una certa insicurezza nel rapporto, quel "non sentirti all'altezza" di cui parli. E' chiaro che la gelosia deriva proprio da una paura di perdere l'altro perché ci si sente non amabili e degni di rispetto. Forse tutte queste sensazioni negative derivano dal tuo precedente rapporto, ma io vorrei riportare la responsabilità su te stesso. E il come fare per superare tutto questo diventa il ricostruire la fiducia in te stesso e un'autostima che è carente. Sono i nostri pensieri i primi ad influenzare le nostre emozioni e se pensi: "non sono all'altezza" ciò non ti aiuterà a vivere con serenità questo ed altri rapporti. Il cambiamento deve nascere dentro te stesso con una disposizione diversa che sia orientata a valorizzarti anziché ad abbatterti.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters