Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Panico e respirazione (004278)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 125 volte

Claudio, 25 anni

Salve, vi scrivo per avere qualche indicazione su come risolvere un problema che sta gradualmente trasformandosi da un fastidio ad un'ossessione. Mi spiego: in febbraio ho avuto il mio primo (e finora unico) attacco di panico, generato, almeno credo, solo da fattori "meccanici" (respiravo male, a causa dei postumi di una bronchite) e "ambientali" (ero in una sala di un cinema e, sebbene non soffra di claustofobia, credo che il caldo, il buio e la gente, sommati alle mie difficoltà respiratorie, abbiano innescato l'infausto meccanismo). Nonostante quelli siano stati i tre minuti peggiori della mia vita ho superato la cosa, quasi del tutto, decidendo di sfidare subito me stesso e tornando a distanza di pochi giorni in quello stesso cinema. Ha funzionato, ho avuto solo un leggero formicolio alle mani e poi piu niente. Il problema non si è più presentato.
Sfortunatamente, porto ancora un ultimo segno di quell'avvenimento: la respirazione. Non riesco a togliermi dalla testa il mio ritmo respiratorio, nel senso che una parte del mio cervello è costantemente impegnata a misurarlo, regolarlo (male) e dirigerlo. In pratica, respiro involontariamente solo per brevi periodi di tempo, prima di tornare ad auto-impormi un ritmo (un ritmo sbagliato, che mi provoca capogiri e nausea). Pensavo che sarebbe passato col tempo, ma lo pensavo 4 mesi fa. Esiste una soluzione, o anche solo una spiegazione a questo fenomeno? Mi basterebbe anche solo sapere che non sono l'unico ad avere questo problema... Grazie :)

Caro Claudio, intanto vorrei tranquilllizzarti dicendo che in effetti non sei l'unico ad avere questo problema, anzi. Per quanto riguarda la tua analisi, mi sembra corretta. L'unico fattore che è rimasto è il tuo eccessivo autocontrollo nei confronti della respirazione.
Allenati a fare respirazioni che durano 6 secondi, 3 per inspirare, 3 per espirare. Iperventilare significa portare troppo ossigeno con conseguenze simili a quelle del panico. Inizia ad ascoltare in modo passivo il tuo respiro, non cercare di controllarlo.
Impara ad ascoltare le tue risposte fisiologiche, non passare il resto del tuo tempo a rimuginare dei problemi. Se vuoi uscire dai tuoi problemi dovrai affrontarli gradualmente in modo spontaneo, attraverso prospettive differenti non con la tua classica metodologia. Un saluto.

( risponde il dott. Fabio Gherardelli )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

News Letters