Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

panico in gravidanza (47072)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 119 volte

Claudia , 30anni (7.1.2002)

Da anni soffro periodicamente di attacchi di panico che si manifestano principalmente nei periodi di maggiore stress. Mi sono sempre chiesta (ed in particolar modo ora che sono sposata) se una pesona che soffre di questi disturbi può affrontare una gravidanza. So che la mia domanda non verrà concepita come banale, specie da parte di quelle donne che conoscono bene le sensazioni che accompagnano questo disturbo, e mi meraviglia molto vedere come nei libri che parlano di panico non si faccia mai riferimento a questo momento della vita di una donna in cui gli attacchi di panico possa presentarsi. Lei ha perfettamente ragione. Benche' il disturbo di panico (insieme ad altri disturbi dello spettro ansioso e depressivo) sia maggiormente prevalente nelle donne, e' stata data scarsa attenzione al periodo della gravidanza. In questo caso, il problema maggiore non e' costituito dal disturbo di panico in se': non ci sono controindicazioni alla gravidanza per una donna che ne soffre; il disturbo in quanto tale infatti non reca alcun danno alla gestante o al feto. Il problema maggiore riguarda invece la somministrazione dei farmaci. In linea di principio, i farmaci andrebbero sospesi in gravidanza, soprattutto nel periodo critico di maturazione del feto, nei primi tre mesi di gravidanza. Tuttavia, vi sono delle situazioni in cui non e' possibile sospendere del tutto la somministrazione dei farmaci. In questo caso, ginecologo e psichiatra devono collaborare strettamente per bilanciare rischi, costi e benefici dell'azione del farmaco. Per fortuna, nella maggior parte dei casi (almeno secondo la mia esperienza professionale) un importante supporto familiare, soprattutto da parte del partner, e un discreto sostegno psicologico da parte di uno/a psicoterapeuta consente di portare a termine la gravidanza senza eccessivi disagi. La cosa che vorrei sottolineare, pero', e' che non si tratta di un problema semplicemente tecnico di gestione clinica. Il punto essenziale in tutto questo processo e' la volonta' e la motivazione della madre a salvaguardare il bambino ed a portare a termine la gravidanza. Tutti gli aiuti possibili dall'esterno (compresi i farmaci) diventano importanti se la madre e' fortemente motivata e responsabilizzata.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters