Pubblicità

panico in gravidanza (47072)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 198 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudia , 30anni (7.1.2002)

Da anni soffro periodicamente di attacchi di panico che si manifestano principalmente nei periodi di maggiore stress. Mi sono sempre chiesta (ed in particolar modo ora che sono sposata) se una pesona che soffre di questi disturbi può affrontare una gravidanza. So che la mia domanda non verrà concepita come banale, specie da parte di quelle donne che conoscono bene le sensazioni che accompagnano questo disturbo, e mi meraviglia molto vedere come nei libri che parlano di panico non si faccia mai riferimento a questo momento della vita di una donna in cui gli attacchi di panico possa presentarsi. Lei ha perfettamente ragione. Benche' il disturbo di panico (insieme ad altri disturbi dello spettro ansioso e depressivo) sia maggiormente prevalente nelle donne, e' stata data scarsa attenzione al periodo della gravidanza. In questo caso, il problema maggiore non e' costituito dal disturbo di panico in se': non ci sono controindicazioni alla gravidanza per una donna che ne soffre; il disturbo in quanto tale infatti non reca alcun danno alla gestante o al feto. Il problema maggiore riguarda invece la somministrazione dei farmaci. In linea di principio, i farmaci andrebbero sospesi in gravidanza, soprattutto nel periodo critico di maturazione del feto, nei primi tre mesi di gravidanza. Tuttavia, vi sono delle situazioni in cui non e' possibile sospendere del tutto la somministrazione dei farmaci. In questo caso, ginecologo e psichiatra devono collaborare strettamente per bilanciare rischi, costi e benefici dell'azione del farmaco. Per fortuna, nella maggior parte dei casi (almeno secondo la mia esperienza professionale) un importante supporto familiare, soprattutto da parte del partner, e un discreto sostegno psicologico da parte di uno/a psicoterapeuta consente di portare a termine la gravidanza senza eccessivi disagi. La cosa che vorrei sottolineare, pero', e' che non si tratta di un problema semplicemente tecnico di gestione clinica. Il punto essenziale in tutto questo processo e' la volonta' e la motivazione della madre a salvaguardare il bambino ed a portare a termine la gravidanza. Tutti gli aiuti possibili dall'esterno (compresi i farmaci) diventano importanti se la madre e' fortemente motivata e responsabilizzata.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni