Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

panico notturno (48917)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 155 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena,24anni (23.2.2002)

Gentili Dottori mi chiamo elena ho 24 anni è da circa un mese che soffro di attacchi di panico notturni...è strano ma ora provo a spiegarmi...durante il sonno o nel dormiveglia sento un senso di soffocamento mostruoso non posso muovermi ne respirare ne aprire la bocca non riesco a svegliarmi!!mi sento morire!!ho paura di dormire..perchè ho paura di non svegliarmi più la cosa stà diventando sempre più frequente!Sono lucidissima vorrei gridare e respirare ma non lo posso fare (somiglia parecchio ad una esperienza che ho già avuto durante uno schok anafilattico dove non riuscivo a respirare)..poi mi sveglio sul limite dello svenimento di colpo tachicardica e con il fiatone. In contemporanea stanno anche aumentando degli avvenimenti di isolameneto che avevo spesso da bambina: sentivo le voci lontane...vedevo tutte le cose che si muovevano lentamente e lo stesso accadeva anche ai miei movimenti...lentissimi..impercettibili durano secondi lunghissimi!!! La cosa che mi spaventa è che fino a poco fa riuscivo a controllarli li sentivo arrivare..e reagivo..ora la cosa stà diventando difficilissima...e mi stanno venendo sopratutto quando mi trovo sola, specialmente alla guida della macchina!Che posso fare?I miei incubi sono solo sogni o...mi devo preoccupare?Impazzirò?? Grazie Elena

 

Cara Elena gli episodi che riferisci sembrano essere situazioni dissociative,per cui non si sa per quale ragione hai cominciato a fre ricorso sin da bambina ed attualmente ti stanno tornando probabilmente perchè ti trovi ad trraversare una fase un pò critica della tua vita e quindi rimetti in atto questo meccanismo di difesa . Cerca di non spaventari quando senti arrivare questa sensazione di distacco dalla realtà, ma piuttosto che far subentrare il panico prova a controllare quei momenti che lo precedono con esercizi di respeirazione e rilassamento come si fà col Training autogeno, rivolgiti semmai ad uno psicologo che conosca questa tecnica per apprenderla e poterla usare in questi momenti critici. Cerca anche cara Elena di fare un pò di autoanalisi per capire a cosa ti "servono" queste tue risposte di forte ansia e in quale tuo contesto di vita attuale o passato si possano onserire. Ciao e riscrivi se credi.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni