Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Panico, paura, ipocondria (9734)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 192 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Laura,30 anni

Salve, mi chiamo laura ed ho 30anni. da 10anni soffro di attacchi di panico. Sono stata seguita da tre psicologi diversi e tre psichiatri diversi, che mi hanno curato con psicofarmaci. Attualmente prendo 4 neurontin da 100 al di', 20gg di elopram e 5gg di en prima di dormire. Chiaramente in questi anni ho avuto momenti ache lunghi di benessere ma
mai ho lasciato del tutto la terapia , farmacologica. Sono seguita da una psicoterapeuta familiare dal 2002 e con lei ho ottenuto
buoni risultati tanto e' vero che in questi tre anni ho fatto molto e che prima di avere questa terribile ricaduta a luglio lei riteneva che le nostre sedute avrebbero potuto cessare. purtoppo a luglio ho avuto un attacco molto forte in macchina e da li' e' iniziata la discesa. Ora vivo in casa, chiusa non lavoro piu' non guido piu', ma la cosa piu importante e' che sviluppo pensieri ossessivi sulla morte e sulle malattie; sono in uno stato di ansia continuo. Alle volte mi sembra di uscire dal mio corpo, non riesco a mangiare a fare la doccia, insomma mi sento vecchia e inadatta e ho tanta paura.

Gent.ma Laura, cosa è capitato a Luglio per cui hai avuto questa regressione ad uno stato d'ansia e di difficoltà varie? E' importante che tu riesca a focalizzare i motivi di questa situazione interiore, visto che precedentemente sembrava che tu riuscissi a gestire la tua vita in modo più positivo. E' chiaro che c'è stato uno stimolo negativo (interno o esterno)
che ti ha portato alle dinamiche distruttive e limitanti del passato. Dunque penso che il primo passo sarebbe capire cosa è successo. Questo puoi farlo in terapia. Un altro passo è ricordare cosa c'era di diverso quando cominciavi a stare meglio.... quali pensieri? quali emozioni? quali vissuti psicologici e sociali? Solo tu puoi decidere cosa fare della tua vita e sviluppare pensieri ossessivi serve ad uno scopo che solo tu puoi conoscere e cambiare. Penso che ognuno ha la responsabilità della sua esistenza e forse c'è una parte di te che ritiene di non avere il diritto di esserci e di vivere. Conosci
questa parte autodistruttiva? E' importante che tu ti permetta di affrontarla se vuoi prenderti cura e sentirti a posto con te stessa. Ciao.

 

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure / fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni