Pubblicità

Paura di ciò che potrei diventare (1507855492738)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 823 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSalvo, 27

domanda

 

 

Salve, da circa un anno soffro di ansia ed attacchi di panico.

Da circa sei mesi sono in terapia presso una Vostra collega che si occupa di rieducazione comportamentale. Purtroppo però non vedo evidenti miglioramenti.

Ciò che però di certo è emerso, è che alla base dei miei disturbi ci sia un "disturbo ossessivo compulsivo", della quale non si è ancora trovata l'origine.

Altresì, credo di aver individuato il principale meccanismo che innesca gran parte delle mie ansie, ovvero: il timore di diventare ciò che non vorrei essere.

Diciamo che, per portare un esempio seppur vago, se fin ora ho sempre avuto un punto di vista ben ragionato, documentato e studiato, su di un argomento ben preciso, comincio ad avvertire la tendenza a pensarne il contrario: convincendomi che il contrario di ciò che mi sembra più ragionevole possa essere ancor più giusto ed a sua volta ragionevole.

Da lì s'innesca un meccanismo ansioso, ovvero il pensiero, appunto, di star diventando ciò che non vorrei; o meglio, l'opposto di ciò che credo giusto.

Vorrei aggiungere inoltre, che di natura sono una persona molto scettica, e che non mi sono mai posto il problema di cambiare idea: ma con l'inviolabile clausola che debba essere (o almeno sembrarmi) ragionevole farlo, con tanto di supporto culturale e conoscitivo.

Purtroppo su quest'argomento la mia terapista non sembra essere particolarmente interessata, pertanto chiedo a voi una consulenza che possa quantomeno chiarirmi le idee a riguardo, e magari un indirizzamento verso un tipo di terapia più adeguata.

Grazie mille.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Buongiorno Salvo,

a primo avviso mi sentirei di dirle di confrontarsi con la sua terapista, per farle presenti tutti i suoi dubbi e le sue perplessità. Difficilmente si può fare un percorso insieme, se non ci si può affidare del tutto.

Alcune volte le origini dei nostri problemi sono molto nascoste e sommerse, per capire la causa occorre molto tempo. Capisco la sua frustrazione, ma non è raro che accada.

Se il confronto dovesse non soddisfarla, può sempre chiedere un secondo parere e far un consulto con un altro collega, per vedere se le diagnosi coincidono. Così avrà modo di capire se sta percorrendo la strada giusta oppure no e decidere di conseguenza.

Spesso i DOC trovano giovamento anche da una terapia EMDR. I DOC sono disturbi resistenti, se è questa la diagnosi, approfondisca con la sua terapista, che prospettive di risoluzione potrebbe avere.

Magari può migliorare, ma non è detto che risolva del tutto. Come quando si scopre di avere il diabete, ci si convive bene, ma resta con noi. Però ovviamente deve capire bene se è questa la diagnosi, non è chiaro se abbia un DOC oppure solo dei tratti ossessivi. Non è la stessa cosa.

Può anche  fare un consulto con un psichiatra, spesso alcune persone trovano giovamento dall’uso di  farmaci che aiutano a contenere le compulsioni.

Per questo approfondimento però, le direi di fare una visita psichiatrica, perché solo gli psichiatri, nel caso ne avesse bisogno, le possono prescrivere dei farmaci adatti al suo disturbo.

Cordialmente

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 24/10/2017

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia consulenza online gratuita stress paura attacchi di panico terapia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni