Pubblicità

Perdo di senso (1504121427983)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 522 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLaura, 23

 

domanda

 

 

Perdo di senso e non so come comportarmi.

C'è una voragine che ogni giorno si fa più ampia, più verace, mi inghiottisce e
non so contenerla.

All'inizio pensavo fosse un periodo passeggero, perché sempre me ne sono capitati in passato.

Ma questo sembra essere ancora più lungo e duraturo, e accanito. Sono volubile e instabile, fuggo continuamente dai luoghi noti per quelli ignoti, dove comunque non trovo conforto, ma me ne accorgo sempre dopo.

Mi sono fatta usare da diversi uomini, estremamente consapevole del mero strumento sessuale che rappresentavo per loro. Il dolore della cognizione mi consumava ma allo
stesso tempo non riuscivo ad uscirne. Era piacevole nella sua malvagità.

Guardo le vite altrui e le vedo piene nella loro insignificanza, così superficiali, vuote, eppure felici. Felici del loro essere nulla. E mi dispero perché mi accorgo che per me nulla conta, a differenza degli altri per cui il nulla è tutto.

I legami, gli affetti, l'aldilà per me inesistente. Sento solo il vuoto. Sono anche arrivata ad augurarmi l'estinzione della specie, dal momento che non vedo un fine ultimo. A
che pro tutto?

Bisogna vivere bene in questa terra, direbbe il demone del famoso aforisma di Nietzsche. Ma a che pro anche questo? Mi ritrovo ad essere cinica e profondamente nichilista, ma di un nichilismo passivo che mi atterrisce senza che io mi possa riscattare in alcun modo. Eppure spesso mi definisco ottimista, e felice tutto sommato; non è vero.

Sono irrequieta, grazie anche alle non invidiabili condizioni economiche in cui verso, e all'iper protezione di mia madre. Non riesco a risollevarmi. E l'unica soluzione che potrei adottare, la morte, mi sgomenta, da buona ipocondriaca quale sono.

Non riesco a dare più esami, non riesco a stare sola. Non riesco a trovare un senso, perdo di senso.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


risposta

 

 

Cara Laura,

Ho letto attentamente  le sue parole e riflessioni. Sono piene di confusione e di smarrimento oltre che prive di speranza.

Quanti anni sono che versa in questa situazione senza chiedere aiuto a nessuno?

Una giovane adulta di appena 25 anni, che arriva a pensare, che l'unica soluzione possibile ai suo problemi possa essere la morte, probabilmente è già da diverso tempo, che avrebbe dovuto mettere un fermo al nichilismo, che ha fatto breccia dentro di lei.

Per fortuna la sua ipocondria le ha impedito di compiere gesti irreparabili.
 
Se versa in condizioni economiche non troppo buone, come accenna, può rivolgersi al servizio sanitario nazionale, per iniziare può andar bene ed è indubbiamente meglio di non avere nessun aiuto. Chiami e fissi un appuntamento per cercare di capire che cosa le sta accadendo.

Cos'è che l'ha fatta lentamente scivolare in questa situazione al punto da pensare che niente ha valore e nulla ha più significato ?

Ha poca importanza guardare alla vita degli altri, che ci può sembrare più ricca, solo perché la nostra ci sembra spoglia. E spesso non è così, dipende solo dal frutto della lente distorta con cui guardiamo alla vita.

Non aspetti, non è mai troppo presto, per cercare di stare bene.

Cordialmente

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 08/09/2017

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: consulenza online gratuita perdere senso;

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di questa fobia, conosciuta anche come...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni