Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Philofobia o Narcisismo patologico?(165561)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 1355 volte

Riferimento, 23 (165561)

Salve, da 6 anni vivo una storia abbastanza travagliata con un ragazzo di cinque più grande di me.

Siamo stati insieme sul serio quando io avevo 18 anni per un anno circa, poi per la mia gelosia e per la distanza ci siamo lasciati.

Abbiamo continuato a vederci da amici e da amanti per altri tre anni, finché la situazione è degenerata e abbiamo deciso di chiudere qualsiasi tipo di rapporto e comunicazione, anche su richiesta dei genitori ed amici, che stremati dal vederci soffrire, hanno chiesto che smettessimo questa frequentazione.

Siamo stati senza vederci né sentirci per un anno, periodo nel quale sia io che lui abbiamo avuto altre storie.

A marzo di quest'anno ci siamo rincontrati per caso e da quel giorno, quasi ogni giorno, ci sentiamo e almeno una volta a settimana ci vediamo.
Io ho chiesto di ufficializzare il rapporto ma lui mi ha risposto che gli altri non avrebbero capito.

A questo punto ho deciso di chiudere ma lui è scoppiato a piangere dicendo che ha paura, ha paura di distrarsi dal suo dovere, ha paura per i suoi sentimenti nonostante sente di avere bisogno di me. Abbiamo deciso di stare un po' distanti e vedere cosa succede, ma a questo punto come devo comportarmi?

Leggo in molti siti di Philofobia o Narcisismo, da quel poco che potrebbe aver capito da questa descrizione, potrebbe trattarsi del mio caso?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Gentile riferimento 165561,
le informazioni che fornisce sono davvero poche, sicuramente non giova esplorare la rete per individuare la diagnosi per il proprio ragazzo!!

Credo che si dovrebbero esplorare i veri motivi per i quali si è rifiutato di "ufficializzare il rapporto".

Ritengo, ma non vorrei esprimere un'opinione azzardata, che una relazione fondata sul bisogno e non sul desiderio abbia poche probabilità di essere soddisfacente per entrambi, Forse sarebbe opportuno per lei, cercare l'aiuto di un professionista qualificato ( magari scegliendo fra gli psicoterapeuti iscritti all'ordine degli psicologi della sua regione) che offra il primo colloquio gratis.

In ogni caso le suggerirei di riflettere prima su di sé e su che cosa intende per una relazione sentimentale  appagante.

Augurandole ogni bene, la saluto.

(Risponde la dott.ssa Susanna Bertini)

 

Pubblicato in data 21/01/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters