Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Stati d'ansia improvvisi (60795)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 120 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessio, 29 anni, 29.12.2002

Circa tre anni fa ho avuto alcuni episodi di attacchi di panico, che si sono verificati mentre ero alla guida della mia auto.Mi sono rivolto ad uno psichiatra che mi ha prescritto delle gocce (elopram);le ho prese per circa un anno e mezzo.
Ho terminato 3 mesi fa. Gli attacchi di panico non si sono più verificati, ma io ho dei continui cambiamenti di umore.
E' possibile che tutto ciò si verifichi perchè è poco che ho smesso la cura? Non sarà forse che io penso troppo a questa situazione e da solo finisco per crearmi delle ansie che mi portano ad essere così nervoso?
Spero che mi rispondiate al più presto grazie!!!!!!!

Caro Alessio, purtroppo i farmaci non servono per eliminare le vere cause di questi attacchi di panico e del nervosismo, in realtà sedano l'ansia senza risolverla.
Il problema è innanzitutto psicologico ed emotivo, e il farmaco agisce come un superalcolico quando abbiamo mal di denti, prima o poi dovremo andare dal dentista.
Quello che voglio dirti è che di certo stai vivendo un disagio che è legato a pensieri ed emozioni che non ti sono coscienti e che ti portano ad avere questi cambiamenti d'umore, ansia, nervosismo.
Io ti consiglio di intraprendere una psicoterapia, in quanto solo entrando in contatto con te stesso e conoscendoti a fondo puoi risolvere questi problemi.
Il farmaco può essere utile all'inizio perché calma i sintomi, ma non cura le cause.
Spesso alla base dell'ansia ci sono problemi di insicurezza in se stessi, di mancanza di autostima, di paure e sfiducie che puoi risolvere solo affrontandoli.
E' la conoscenza di noi stessi e di ciò che davvero vogliamo, dei nostri pensieri e delle nostre emozioni che ci portano ad essere sereni e coerenti con noi stessi. Spesso facciamo l'errore di pensare che magicamente dal di fuori qualcuno possa risolverci le situazioni difficili e non ci guardiamo dentro, là dove c'è la soluzione, l'unica possibile perché è solo nostra e di nessun altro, è individuale e unica.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione, paura (151…

klava, 20     Salve, mi chiamo Claudia, sono una studentessa universitaria. Ultimamente sto rivivendo un circolo vizioso dato (credo) dall'ansia ...

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters