Pubblicità

Autolesionismo (007979)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 94 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maggie, 26 anni

Sarò breve. Ho iniziato a procurarmi volontariamente ferite dall'età di 15 anni, con qualsiasi oggetto e in qualsiasi parte del corpo purchè riuscissi a far uscire un bel pò di sangue.
All'inizio lo facevo per attirare l'attenzione, forse in parte anche perchè ho sempre avuto una particolare mania per le cicatrici, poi dopo un lungo periodo di inattività ho ricominciato ma per motivi completamente diversi.

Stavo attraversando un momento molto difficile e autodistruttivo e oltre all'alcool ho appunto riniziato a tagliarmi, questa volta però solo per rabbia, ferendomi avevo l'impressione da una parte di ricevere la giusta punizione per le mie colpe e dall'altra ricevevo un senso di potere e controllo che mi faceva sentire bene.
Ho deciso di andare in terapia anche perchè avevo la sensazione che un giorno non sarei riuscita a frenare la rabbia e un taglietto non mi sarebbe bastato, non so se mi spiego.. oggi mi sento molto meglio da tutti i punti di vista ma ogni tanto pensa
ndo a quello che facevo sento una irresistibile voglia di ferirmi di nuovo, non per rabbia nè tantomeno per attirare l'attenzione, non so proprio perchè, grazie alla terapia adesso riesco a capire tante cose, reazioni, stati d'animo, meccanismi ecc ma non riesco proprio a capire questo.
Ho sempre avuto delle manie fin da piccola, tipo il fatto di piangere che per me è taboo da quando ho superato i 10 anni, pensieri molto violenti che mi porto dietro da quando ero ancora più piccola nelle mie fantasie e a cui ricorro soprattutto nei momenti più difficili, mi fanno calmare e scaricare, non so magari l'autolesionismo può essere legato a questo.. non so. Voi cosa ne pensate? Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 

Cara Maggie, hai saggiamente pensato di cercare una strada per elaborare i tuoi problemi, che è chiaro non possono essere risolti con tempestività, ma solo con tanta pazienza e nel tempo.
La sottile differenza tra risposta adeguata ed inadeguata al senso di frustrazione è il fulcro del passaggio al patologico. Le tue risposte al disagio sono sicuramente patologiche oltre che pericolose per le tua incolumità: devi perciò lavorare e trovare altri meccanismi difensivistici più congrui.

 

( risponde la dott.ssa Lucia Daniela Bosa )

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

News Letters

0
condivisioni