Pubblicità

comportamento madre (165602)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 206 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Andrea Baroni, 34 (165602)

La mia Storia: salve, sono a richiedere una consulenza per mia madre. Già sofferente di ansia (assume Tavor). Da un paio di anni a questa parte ha sviluppato una tendenza a coricarsi sempre più presto... dalle 22 di sera è arrivata ultimamente ad andare a letto alle 18.30, motivando con il fatto che non ha voglia di guardare la televisione e che a letto sta meglio. Può trattarsi di depressione? Non riesco a convincerla a passare il tempo in altra maniera. Preciso che se ha un impegno serale (una volta alla settimana) lo rispetta e si corica più tardi.

Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


Gentile Andrea,
sarebbe meglio fosse sua madre a richiedere una consulenza. Ad ogni modo penso che sarebbe opportuno in primo luogo sapere da quanto tempo la signora è sotto farmaci e  che sua mamma si rivolgesse al medico che le ha prescritto il tavor, per capire se non ci sono problemi proprio legati a quel farmaco.
Una volta chiariti questi aspetti suggerirei a sua madre di rivolgersi ad un professionista esperto (da scegliere fra gli psicoterapeuti iscritti  all'ordine degli psicologi della sua regione, magari preferendo quanti offrono il primo colloquio gratuito),; mentre trovo comprensibile non essere interessati ai programmi televisivi, ritengo problematico il fatto che la signora si corichi alle 18,30! Il ventaglio di possibilità è ampio, azzardo qualche ipotesi, che in assenza di dati, potrebbe anche essere del tutto errata. Potrei immaginare che la signora non abbia  coltivato né amicizie né  interessi ed oggi si senta  sola e senza risorse e preferisca dormire anziché affrontare "il tempo vuoto", può essere che si senta debole per un qualche disturbo di tipo organico.....le possibilità sono tante ed occorre analizzarle con dati certi...
Per ora oltre ad augurare a sua mamma ed a lei ogni bene, la saluto.
S. Bertini

 

(Risponde la Dott.ssa Susanna Bertini)

 

Pubblicato in data 08/04/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

News Letters

0
condivisioni