Pubblicità

Crisi post parto (080635)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 85 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elisa, 30 anni

Sono mamma di due splendidi bimbi: la prima di 2 anni e 10 mesi il secondo di 8 mesi. Con la prima Bimba non ho avuto mai problemi, è sempre stata brava in tutto fin dal primo giorno, ma già dall'inizio della seconda gravidanza mi sono sentita male.. volevo abortire, ma mio marito mi ha indicato i vari sensi di colpa che avrei potuto avere; ho avuto una gravidanza difficile sia fisicamente che psicologicamente, ho partorito con taglio cesareo alla quarantesima settimana perchè avevo una gamba ingessata. Fin da subito il bambino si è mostrato difficile, se lo lasciavo fare stava attaccato al seno anche tre ore fin che ho tolto l'allattamento al seno e ho proseguito con latte artificiale al suo quarto mese.
Non ha mai dormito solo per più di 30 minuti sia di giorno che di notte, ha sempre voluto fare piccoli pasti e spesso, fino ai sei mesi ogni 2/3 ore; le pappe sono difficili, non gli piacciono, la pediatra mi sente settimanalmente perchè non so come farlo mangiare. Per fortuna è sano e in carne. La bimba "grande" mostra la sua gelosia normalmente, con una leggera regressione iniziale, ma che si è piano piano risistemata, ha nei confronti del fratello atteggiamenti affettuosi, anche se capitano gli spintoni. Mio marito lo sento lontano e passivo.
La settimana scorsa sono stata ricoverata d'urgenza per metrorragia: in quattro giorni di degenza ospedaliera è venuto solo per portarmi i cambi. Io sono sempre stata paziente e dolce, fin da bambina, ora spesso mi metto a contare e comunque mi scateno in atteggiamenti violenti, una mia amica mi ha detto di aver avuto paura quando mi ha vista; sono sempre stanca, cado nello sconforto in un lampo, mi vengono pensieri orribili come quello di essermi pentita amaramente di non aver abortito, in certi momenti desidero abbandonare i bimbi, con mio marito non riesco a dialogare, quando cerco di iniziare un discorso, lui lo chiude subito, non mi dà la possibilità di avere un dialogo prolungato. Oggi ho telefonato al consultorio per prendere un appuntamento, ma è per aprile e anche se sono consapevole di non essere più la donna forte di un tempo, ogni giorno cerco di fare un esame di coscenza per andare avanti.
Il desiderio più forte che ho è di isolarmi e non avere niente e nessuno intorno. La salute in questo momento non è delle migliori; in seguito al problema all'utero che ho avuto sono molto anemica e la pressione è bassa; come terapia mi hanno prescritto la pillola: aggiungo che durante il cesareo mi sono fatta chiudere le tube.
Ringraziando anticipatamente, distinti saluti

Cara Elisa, per poter "nutrire" un altro essere umano bisogna essere nutriti. Sembra che questo a te sia mancato e manchi. Ti ritrovi ad affrontare una depressione post partum da sola, con un compagno sfuggente che non si cura di te e con il dubbio di aver sbagliato a non abortire.
E' chiaro che hai preso una decisione senza valutare il tuo stato psicologico ed emotivo, eri già "denutrita". Così non è possibile affrontare la nascita di un figlio, perché ogni atto che sarebbe naturale e spontaneo per una mamma che l'abbia desiderato, diventa invece faticoso, doloroso, destabilizzante per una donna che si sente povera d'affetti e d'attenzioni, e in più vive un senso di colpa perché non ha energie da dare. In più si assomma lo stato fisico che ti toglie ulteriori forze. Oggi sei come un pero che non ha più pere perché non è stato concimato, innaffiato, potato. Bisogna che cerchi un aiuto per recuperare le energie e questo significa dare ascolto ai tuoi bisogni. Cosa ti manca? Prenditi cura di te stessa e di certo recupererai la serenità nel prenderti cura dei tuoi figli.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

News Letters

0
condivisioni