Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione (003806)

on . Postato in Depressione | Letto 53 volte

Rita, 40 anni

Sto cercando di capire se la situazione psicologica in cui mi trovo possa definirsi depressiva tanto da aver bisogno di aiuto. Sino a qualche anno fa sono stata sempre in grado di affrontare le diffcoltà. Poi ho subito un licenziamento o meglio sono stata costretta a dare le dimissioni da un'azienda in cui ho lavorato benissimo. E' stata una bruttissima vicenda a cui sono arrivata dopo mesi di quelle che (non da queste parti) si definiscono "molestie morali".
Il mio datore di lavoro era un paranoico e io non sono stata in grado di capire e difendermi. Mi sono sentita violentata nella mia dignità e non sono riuscita ad ffrontare le conseguenze con lucidità. Anzi è cominciato un lungo travaglio interiore che mi ha portata sempre più a fondo. Non mi sento in grado di affrontare le diffoltà. Ho paura di tutto. 12 anni fa ho perso mio padre per un incidente stradale. Ultimamente ogni ambulanza mi fa sobbalzare, tutte le sirene mi provocano angoscia. Ho paura per il mio compagno.
Immagino di morire o che muoia lui o qualcun altro. nel frattempo tento di lavorare in un'azienda come collaboratrice ma so di non dare che un millesimo di me stessa. Sono una persona responsabile, troppo. Immagino che tutto dipenda da me. Se qualcosa non va mi domando in cosa ho sbagliato. Non so come recuperare lucidità e un minimo di posititvità. Prima ero allegra, aggregante, sono sempre stata una persona forte. Sono lontana dalla mia famiglia per un conflitto con mia madre e mio fratello che non è sanabile. Loro sono completmaente diversi da me e non sono "sani". Sono andata via perché con loro sicuramente mi sarei ammalata sul serio. Più sono lontana e non li sento, meglio sto. Non so a chi rivolgemri. Ho seguito una terapia per qualche mese con uno psicoterapeuta subito dopo il mio licenziamento. Ma abbiamo affrontato solo una parte dei miei pensieri. Sono piena di rabbia. Sono diventata moralista, intollerante.
Alcune volte mi sento capace di compiere gesti violenti verso chi ritengo causa di questo precipitare della mia vita. Non faccio pensieri suicidi, o meglio li faccio, ma sono consapevole della loro aleatorietà. E poi non potrei. Ho dei debiti da estinguere e non posso permettermi di non lavoroare. Lascerei gli altri nei guai. Comunque non ci penso. Mi angoscia l'idea di non avere soldi per pagare tutto quello che è necessario. Se qualcuno ti distrugge sapendo di farlo con cattiveria e tenacia, come ci si difende se non si è preparati a tanto e se la buona fede ha guidato il tuo modo d'agire? Come si supera tutto? Come ci si reinventa per essere in grado di affrontare le normali difficoltà? Non riesco a trovare lavoro stabile. Sono in una situazione precaria pur avendo una preparazione e capacità lavorativa poco comuni. Lo so. Ma non so promuovermi. Non so più presentarmi. Grazie

E’ opportuno che lei possa attraversare le ragioni per le quali ha permesso e tollerato il male che le hanno fatto, pena l'eventualità che questa situazione si possa ripetere. È anche opportuno accettare che con uno psicoterapeuta non si possa affrontare né dire tutto, ed è bene durante la psicoterapia parlare anche di questo. Le ultime righe della sua lettera mi inducono a invitarla a esplorare il sito http://hal9000.cisi.unito.it/dialogopsy dove nell’area Psicanalisi alla voce Agi e disagi… sono pubblicati dei lavori nei quali io ed altri colleghi abbiamo dedicato del tempo a queste questioni.

( risponde la dott.ssa Emanuela Marangon )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

News Letters