Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione (006552)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 61 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nataly, 28 anni

La mia non è una situazione poi così particolare. Studio Chimica e mi manca poco alla laurea. Ho lavorato 5 anni e poi ho lasciato il lavoro per trovare di meglio. All'inzio mi sentivo forte, ma ora mi sentro sempre triste e depressa. Penso sempre di essere meno degli altri e di non valere nulla.
Non mi vedo mai all'altezza di nessuno. Ho amici che, a loro modo,cercano di farmi reagire, certe volte in maniera schietta e senza mezzi termini. Ma questo invece che tirarmi su mi deprime ancora di più e mi fa sentire ancora più sbagliata. In realtà mi sento veramente inadatta a vivere e a volte penso che se non ci fossero i miei genitori (figlia unica, i miei genitori sono praticamente dipendenti dalla mia esistenza) potrei suicidarmi perchè non c'entro nulla con il mondo attorno a me.
Sono tutti migliori di me e mi sento solo un peso, una persona inutile.
Mi manca l'autostima perchè vedo che effettivamente non sono all'altezza degli altri, che mi riprendono sempre e mi dicono cosa devo e non devo fare.
Sono depressa. Vorrei un consiglio. Grazie

Cara Nataly, probabilmente non hai costruito una fiducia in te stessa e nelle tue qualità ed è un lavoro che puoi ancora fare con l'aiuto di una psicoterapia.
Potrebbe essere che la tua condizione di figlia unica abbia portato i tuoi genitori a proteggerti troppo dall'ambiente e a sostituirsi a te nell'assunzione di responsabilità e questo ha fatto sì che tu non provassi a te stessa quanto vali e come sai cavartela nel mondo. E' una questione di esperienza, in definitiva.
E' come se imparassimo che non siamo capaci, non perchè non lo siamo davvero, ma perché non ci siamo sbucciati le ginocchia da piccoli cercando di salire su un muretto troppo alto per noi....hai mai provato da bambina la sensazione di conquista e di orgoglio quando arrivavi finalmente alla meta, pur essendoti fatta male?
E' un esempio per spiegare che l'autostima si basa su pensieri ed emozioni costruiti nel corso della vita grazie al nostro misurarsi con l'esperienza e con gli altri.
Se ne abbiamo accumulati di negativi, ci sentiamo fragili e disperati, incapaci. In realtà tu non sei inferiore agli altri o incapace, "pensi" di esserlo e questo condiziona le tue azioni che di certo saranno tali da confermare questo copione di vita.
Prova a cercare un aiuto per riscrivere questo copione ritrovando le tue "specialità", che, in quanto essere unico, hai.

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Totale disinteresse sessuale (…

Tabata, 41     Ho sempre avuto un rapporto ludico con il sesso. ...

Non starò autosabotando la mia…

Luna313, 31     Salve, fra qualche mese compirò 32 anni e ciò mi atterrisce, mi crea un'ansia indicibile. ...

Signorina (1527419268970)

Laura, 20     Salve, ho un problema di coppia e di famiglia. Ho conosciuto un ragazzo 5 mesi fa e sento di essermene innamorata. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters

0
condivisioni