Pubblicità

Depressione (166259)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 431 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara, 19

D

 

Buongiorno, avrei bisogno di un parere. La madre del mio ragazzo sta vivendo un momento di grandissima depressione, lo psicologo da cui è andata dice che si tratta di depressione da menopausa e gli sta dando moltissime medicine, oltretutto, se non portano miglioramenti le cambia ogni mese.
Questa signora ha una situazione famigliare molto particolare: la madre soffre anch'essa di depressione e quindi è sotto costante uso di antidepressivi che la fanno sembrare uno zombie (prescritte dallo stesso psicologo), il marito ha 20 anni in più di lei e perciò con l'avanzare dell'età si è creato un divario tra i due e ora che lui ha quasi 70 anni lei si ritrova a fare da "badante" anche a lui, infine il figlio che era l'unico suo sostenitore in famiglia a settembre dovrà trasferirsi in una città molto lontana per frequentare l'università e quindi lei rimarrà "sola".

Ora, è vero che due anni la signora è entrata in menopausa, ma io mi chiedo: è solo quello il motivo della sua depressione?
Vista la situazione familiare a me sembra scontato che c'è molto di più, e poi è, in ogni caso, giustificata la dose massiccia di medicinali che deve assumere (considerando inoltre che quando lei si reca da questo psicologo sta da lui solo per neanche mezz'ora di cui più di metà passata a prescrivere medicine e quindi senza la possibilità di parlare e chiarire tutti i vari possibili problemi che potrebbe avere)? Quale sarebbe la cura ideale per la signora?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

R

 

Gentile Sara,
temo che la mamma del suo ragazzo non sia in cura da uno psicologo ma da uno psichiatra. Molti confondono queste due professioni che hanno qualche aspetto in comune, ma sono sostanzialmente diverse. Lo psichiatra è un medico che, una volta formulata una diagnosi, utilizza medicine per curare i disturbi che il paziente presenta; lo psicoterapeuta , per legge, non può prescrivere farmaci, ma cura le persone con il dialogo ( le sedute durano circa un'ora) esplorando, insieme con il paziente, i motivi remoti e profondi che conducono al disagio.
Dalle poche informazioni disponibili riguardo alla signora credo che il fatto fisiologico di essere "in menopausa", rappresenti solo un momento di maggior debolezza, ma non possa essere il vero motivo della depressione, che, probabilmente esisteva già da prima ma era "tenuta sotto controllo". La signora in questione potrebbe rivolgersi ad uno psicoterapeuta ( scegliendo fra i professionisti iscritti all'ordine degli psicologi della sua regione, magari chi offre il primo colloquio gratuito, in modo da consultarne più d'uno per capire quello che meglio risponde alle esigenze della signora.
Augurandole ogni bene, la saluto.

(Risponde la Dott.ssa Susanna Bertini)

 

Pubblicato in data 11/08/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Area Professionale

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

News Letters

0
condivisioni