Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione (2233)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 64 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Franca, 31 anni

Gentili Signori, ho 31 anni ma da qualche mese me ne sento addosso molti di più. Ho sempre avuto una vita serena, se si può dire serena la vita di una ragazza della mia età in questo mondo senza certezze. Ero anche riuscita a trovare, faticosamente, un mio equilibrio ma tutto mi è crollato davanti come un castello di sabbia a gennaio di quest'anno, quando mia mamma si è ammalata di tumore ed è mancata in meno di due mesi.
Da allora ho ripreso a lavorare (sono libera professionista e non sono potuta stare a casa che una settimana), faccio le cose di sempre come fare la spesa e pulire casa (ci sono i miei familiari che mi aiutano molto), però non è più lo stesso. Non ho voglia di alzarmi la mattina e non trovo niente che mi emozioni. Di uscire con gli amici non se ne parla, mi sento male solo all'idea.
Ora, che il mio stato d'animo dipenda dal lutto subito l'ho capito, ma allora perchè non riesco a venirne fuori? Mi sto impegnando ma mi sembra di fare solo passi indietro e ogni giorno che passa invece di stare meglio sto peggio. Ora non so proprio più che fare. Vi prego, datemi una mano. Ringraziando fin d'ora per l'attenzione, saluto cordialmente.

Cara Franca, il dolore per una perdita importante come quella della madre non è solo legato alla mancanza della persona, al non poter più confrontarsi con lei, ma riguarda una sfera più ampia; è un'epoca che finisce, non si è più "figli" ed essere responsabili di se stessi diventa una realtà molto più concreta. E' un momento di cambiamento che ha bisogno di tempo per essere metabolizzato, ma non solo di tempo.
E' importante vivere fino in fondo quello che la perdita significa, elaborarlo perchè distrarsi e cercare di vivere intensamente non serve, al contrario ritarda il processo di riequilibrio lasciando vuoti e angosce.Il tuo lutto è recente e forse non hai ancora completato il lavoro di elaborazione necessario. Non preoccuparti di non essere riuscita ad uscirne perchè non si tratta di uscire ma di integrare in modo cosciente quello che è accaduto, tutto quello che è accaduto non solo la morte di tua madre ma tutto il tuo rapporto con lei quando era in vita. Concediti il tempo e rimani, se è necessario, nel dolore fino al momento in cui si scioglierà da solo perchè avrai compreso tutto quello che c'è da comprendere.
Recupera i ricordi, l'amore verso tua madre ma anche la rabbia per le inevitabili incomprensioni o contrasti, non avere paura di entrare nelle tue emozioni perchè comunque vivono dentro di te e se non ne diventi cosciente influenzeranno la tua vita in modo inconsapevole Se ne hai bisogno non esitare a chiedere l'aiuto di un terapeuta, sentirsi compresa e sostenuta ti renderà più leggero il percorso.

( risponde la dott.ssa Mirella Tavernise )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters

0
condivisioni