Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione (4685)

on . Postato in Depressione | Letto 72 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca, 48 anni

Sono una donna di 48 anni, separata da tre, legalmente, ma con un'esperienza di separati in casa per circa 6 anni.
Nella separazione mio marito è riuscito a portare via molte cose che non sarebbero spettate a lui, ma che per non dare altri problemi ai figli (oggi 23/19) ho lasciato correre.Tutto questo per cercare di spiegare l'importanza della salute fisica e mentale dei miei figli.
I tre quarti della mia giornata è dedicata al lavoro, il resto alla casa e ai figli, poi naturalmente qualche ora anche per me. Fino qui sembra tutto regolare. Con mia figlia, la più grande tutto a posto ci adoriamo e viviamo in simbiosi, per il maschio...niente da fare, nonostante tutti gli sforzi possibili ed immaginabili, rieso ad ottenere sempre e solo rabbia nei miei confronti.
Non posso parlare, perchè è un rinfaccio, come dice lui, sono una demente,esaurita e chi più ne ha più ne metta.
Questo mi porta a star malissimo, non riesco a concentrarmi sul lavoro, piango sempre e troppo e a volte mi causo dolore, come per punirmi. non so cosa fare o dire è sbagliato, tutto è dovuto..Vorrei ascappare, ma non è lasoluzione, non possiamo parlare, non ascolta...lo so piangere non serve ma reagire peggiora la cosa... continuo ad annullarmi...a volte vorrei scomparire...combattere...sono stanca, alla fine a cosa serve?
Non ho amici...amiche..non posso parlare non c'è nessuno che ascolta...allora cosa debbo fare???


Le dinamiche familiari e genitoriali conseguenti alla separazione, nonostante il trascorrere del tempo, continuano ad avere uno spazio consistente. E sembra, dalle sue parole, che hanno ancora un effetto negativo e insieme distruttivo.
Tutto questo mi fa pensare che non è avvenuta l'elaborazione del distacco che, invece, è sempre necessaria in queste situazioni. L'elaborazione può avvenire attraverso la riflessione personale e il dialogo in famiglia.
Altrimenti è tutto difficile e il clima relazionale è di profonda sofferenza.
Il suo bisogno è quello di analizzare a fondo le problematiche che ha vissuto, comprese quelle specifiche con suo figlio, che attivano laceranti conflittualità.
Potrebbe rilevarsi la necessità di ricorrere ad uno specialista o comunque a qualcuno in grado di ascoltarla e aiutarla ad esaminare quello che sta accadendo.

( risponde il dott. Renato Vignati )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di depressione per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione, paura (151…

klava, 20     Salve, mi chiamo Claudia, sono una studentessa universitaria. Ultimamente sto rivivendo un circolo vizioso dato (credo) dall'ansia ...

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters