Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Depressione (6040)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 62 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Poldo, 39 anni

Ho bisogno di aiuto per la mia compagna di 33 anni Agnese. Quattro anni fa in concomitanza con la nascita di nostra figlia il papà di Agnese è morto in seguito ad un intervento chirurgico. Molto legata al padre, diciamo che i bisogni della neonata hanno lasciato poco spazio al dolore.
Il destino ha però voluto infierire. Qualche giorno fa il fratello di Agnese ha avuto un incidente stradale con la sua moto ed è morto. Era il fratello più piccolo e "cucciolo" di casa. Agnese non vive più, non fa altro che piangere e ricordare, incolparsi di non essergli stata vicino, di non avergli impedito o quantomeno dissuaso all'uso della moto.
Non so cosa fare per aiutarla. Come mi devo comportare?? Cosa mi consigliate di fare??
Grazie in anticipo per la risposta Poldo carissimo, è molto difficile poterle dire come comportarsi. Purtroppo non esistono rimedi precostituiti per situazioni determinate….
Ovviamente, ma questo lo sa già, la sua presenza e il suo affetto non possono che aiutare Agnese ad affrontare questo ennesimo momento di dolore. Probabilmente ora, insieme al lutto per il fratello, sta vivendo anche quello per il padre che forse era stato un po' accantonato.
Bisogna starle vicino e fare in modo che riesca a capire che la vita, la sua vita, quella che ha costruito insieme a lei, ha un valore o torni ad averlo; certo tutto questo passa inevitabilmente attraverso un più o meno lungo momento di profondo dolore…e quello è inevitabile purtroppo, non si può impedire che ci sia. Anzi, è bene che ci sia, perché aiuta l'elaborazione del lutto. Più preoccupanti, ovviamente da un punto di vista psicologico, sono le situazioni in cui la sofferenza non è vissuta o espressa, e tutto rimane dentro….come una bomba a orologeria.
Molta pazienza, Poldo, e empatia, cercando di sollecitare Agnese a continuare a fare le cose che la tengono agganciata a questo mondo e agli affetti (es occuparsi della figlia). Naturalmente una psicoterapia può esservi di molto aiuto, magari può chiedere ad Agnese se non abbia voglia di farsi dare una mano in un momento così difficile della sua vita.

( risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di crescita personale per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni