Pubblicità

Depressione e lutto (165803)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 401 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mario, 32 ( 165803 )

La mia Storia: Salve, ho 32 anni e sto attraversando, ormai da più di 3 mesi, una fase depressiva abbastanza forte successiva alla scomparsa del mio cane di 9 anni per un tumore addominale. Uscivo da due anni di forti stress legati a situazioni familiari e a un dottorato di ricerca molto impegnativo. Ho sempre reagito con determinazione e forza a tutto, supportando i miei familiari, finendo il dottorato con i massimi risultati e superando la separazione con la mia ex ragazza (storia durata 6 anni), ma dopo la morte della mia cagnolona sono crollato totalmente. Penso che l'elaborazione di questo lutto sia stata bloccata-complicata da un forte senso di colpa che provo e che è diventato quasi un'ossessione. Mi rimprovero per averlo alimentato per circa 6 mesi con un mangime di bassa qualità, inferiore al solito; dopo questo periodo l'ho lasciato alla mia ex-ragazza (il cane l'avevamo preso insieme) per altri 5 mesi circa. Lei si è accorta del malore e, portata dal veterinario, ha ricevuto la tremenda diagnosi. Poco dopo è morta. I miei pensieri fissi sono rivolti al mangime di bassa qualità e al fatto che non mi sono accorto della malattia in tempo. Non so se siano sensi di colpa reali o irrazionali ma mi stanno precludendo il normale svolgimento delle mie attività: attenzione e concentrazione ridotte, pensieri fissi, disturbi del sonno e ansia. Chiedo se sia necessario contattare uno psicologo o se è ancora troppo presto (rispetto alle prime settimane sono sicuramente migliorato, ma non riesco ancora a reagire e a tornare ai normali ritmi). Grazie

Caro Mario, l'accudimento del tuo cane è probabilmente un contenitore simbolico, in cui stai mettendo un dolore più variegato e la confusività è dettata dalla contemporaneità dell' evento con il tuo diventare grande e quindi con il tuo prendere coscienza di tante responsabilità. L'incontro è con gli altri e con te stesso in un passaggio graffiante e a volte drammatico da dinamiche di superficiale onnipotenza a dinamiche di umile e razionale impotenza che ti può consentire di vivere con meno scrupoli e senso di inappagamento la crescita e l'autocritica. Star male è sano ed andar oltre è un obbligo non secondario. Non si può riparare il passato, ma riorganizzare il futuro. Una psicoterapia è un ottimo supporto sempre, ti aiuta a dare un senso alle cose attraverso nuove elaborazioni.

(Risponde La Dott.ssa Lucia Daniela Bosa)

Pubblicato in data 12/05/2015

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Sta con me ma ama ancora la su…

Fede.love.23, 47     Sono separata e vivo da sola con 2 figli a carico senza nessun aiuto economico del mio ex marito.Sto con lui da 5 anni ma fi...

Ansia e problemi sociali (1572…

Nadarmozc, 32     Gentili dottori,è da qualche tempo che avverto uno strano fenomeno, di duplice natura.Quando sono fuori casa (Assolutamente la ...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni