Pubblicità

depressione,ansia,bulimia (42731)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 304 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Chiara, 22anni (4.9.2001)

Sto attraversando un momento molto difficile della mia vita, soprattutto sentimentale. Ho passato un periodo in cui non facevo altro che inghiottire cibo sperando di trovare poi il coraggio di mettermi due dita in gola(senza mai riuscirci).Ora va un po' meglio ma sto cercando la forza di rialzarmi. Soffro molto di solitudine.La notte faccio fatica a dormire, sono spesso in ansia.
Cosa devo fare?

Cara Chiara, mi sembra di capire dalla tua lettera che il tuo disagio sia legato alla tua vita sentimentale , forse alla fine di un amore o ad un amore tormentato, con gli inevitabili e normali straschici " depressivi" che questo comporta . Per ognuno di noi, infatti, in misura maggiore o minore, le perdite e le delusioni affettive sono dolorose. I comportamenti bulimici ,cui accenni, sembrano infatti legati al " vuoto" affettivo che hai vissuto e stai vivendo attualmente, ma la solitudine cui accenni è inevitabile quando si ha una perdita di questo genere.
Mi sembra, comunque, che tu abbia la forza e la capacità sufficienti per reagire da sola. Ti consiglio, comunque, di cercare di frequentare persone, amici, di non isolarti, perché ciò peggiorerebbe la tua solitudine; inoltre, confrontandoti con gli altri, puoi meglio capire che la tua esperienza, per quanto dolorosa, non è unica, anzi gli altri ti possono aiutare molto più di quanto tu pensi. Puoi inscriverti, a seconda dei tuoi interessi, ad una palestra, ad un gruppo culturale, ad un cineforum, ecc per conoscere anche nuove persone.
Oppure se te la senti, se l'idea ti piace, potresti dedicarti anche a qualche semplice attività di volontariato, non troppo impegnativa in termini emotivi, perché l' aiutare gli altri ci fa sentire utili, che valiamo; inoltre potrai capire quanto puoi ricevere dagli altri, molto più di quanto dai.Per l'ansia che ti assale e per la difficoltà a dormire puoi rivolgerti al tuo medico per una leggera cura farmacologica o a base di erbe ( valeriana) che ti aiuti a superare questo momento difficile.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

News Letters

0
condivisioni